Roma

Calcio, Inter corsara all'Olimpico, Lazio appagata

Dopo otto partite senza vittoria l'Inter fa bottino pieno ai danni di una Lazio soddisfatta,  superando la truppa di Inzaghino per 3 a 1. Sblocca Keita nel primo tempo ma i milanesi reagiscono con Andreolli ed una zampata maldestra di Hoedt alle...

Dopo otto partite senza vittoria l'Inter fa bottino pieno ai danni di una Lazio soddisfatta, superando la truppa di Inzaghino per 3 a 1.

Sblocca Keita nel primo tempo ma i milanesi reagiscono con Andreolli ed una zampata maldestra di Hoedt alle spalle di Vargic.

Chiude il discorso un guizzante Eder nella ripresa che attenua l'amarezza per i nerazzurri, in una stagione disastrosa.

I romani restano quarti in classifica, l'Atalanta ruggisce ad un punto di lunghezza ma l'Europa e ' acquisita, il libro del campionato e' gia stato scritto e la Lazio ha suggerito pagine importanti.

LE SCELTE

Novità in porta per la Lazio con il croato Vargic, all'esordio , che rileva Strakosha out.

Schierato a sorpresa anche Luis Alberto sulla linea dei centrocampisti per un undici a trazione anteriore in una sorta di 3-5-2.

Nell'Inter gioca Eder per l'infortunato Icardi mentre restano fuori dalla formazione Joao Mario e a Banega.

KEITA DI RIGORE

Avvio brillante per i laziali , proiettatati costantemente in avanti con l'Inter guardinga nelle proprie posizioni.

La Lazio e' più veloce in fase di impostazione, un guizzo di Felipe Anderson in area costringe Murillo al fallo da rigore.

Keita si presenta sul dischetto e batte Handanovic angolando il tiro sotto ll'incrocio.

Felipe Anderson volteggia come una ballerina sulla fascia destra costringendo i difensori , per arginarlo, al fallo sistematico.

Murillo abbandona il campo per problemi fisici, Santon entra mentre i tifosi interisti abbandonano le tribune in segno di dissenso.

Prova ad essere più incisiva l'Inter, Brozovic e Perisic appaiono i più ispirati.

UNO-DUE NERAZZURRO

I toni agonistici sono bassi , al 31' i nerazzurri agguantano il pareggio alla prima vera conclusione in porta con Andreolli che trova il gol con un preciso colpo di testa sugli sviluppi di un angolo spizzato da Perisic.

La Lazio e' pigra e svogliata con la pancia già piena, l'Inter raddoppia sei minuti dopo, con un clamoroso autogol di Hoedt che devia nella propria rete un cross innocuo di Candreva.

Addirittura nel finale i milanesi sfiorano il tris con Eder in ritardo di un soffio sul diagonale tagliato dell'ex laziale.

EDER INCONTENIBILE

Nessun innesto al rientro sul prato verde, Eder e' subito pericoloso , prima su calcio franco , poi e' impreciso dal cuore dell'area di rigore.

L'Inter è più aggressiva e vogliosa, i romani sembravo aver smarrito la propria identità.

Ci pensa Immobile a dare una una sterzata, una sua sua fucilata fa tremare i pali.

Inzaghi inserisce Basta per De Vrij e torna al 4-3-3.

Inspiegabilmente l'arbitro Di Bello si rende protagonista di una decisione discutibile e inaccettabile.

Keita viene atterrato in area, ma la giacchetta nera ammonisce il senegalese per la seconda volta e viene espulso.

Dentro anche Lombardi per Luis Alberto, ma i romani sono nervosi ed in confusione.

L'Inter ne approfitta ed Eder firma il tris dopo una serie di rimpalli nell'area piccola.

E' notte fonda per i laziali che restano in nove, anche Lulic anticipa il rientro negli spogliatoi.

Entra anche Crecco per Felipe Anderson, ma l'Inter ha gioco facile su una Lazio in netta inferiorità numerica.

Scorrono gli attimi finali, i nerazzurri espugnano l'Olimpico dando un senso al suo finale , la Lazio , protagonista di una stagione fantastica , riceve gli applausi dagli spalti.

ROBERTO MATTEI

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Calcio, Inter corsara all'Olimpico, Lazio appagata

FrosinoneToday è in caricamento