Carceri: detenuto di 30 anni muore per cause ancora da accertare a Rebibbia nuovo complesso

Un detenuto salvadoregno di 30 anni, Cristian M. è morto all’interno della sua cella nel carcere di Rebibbia Nuovo Complesso. A dare la notizia del 16mo decesso avvenuto nelle carceri del Lazio dall’inizio del 2013 è il Garante dei detenuti del...

Un detenuto salvadoregno di 30 anni, Cristian M. è morto all’interno della sua cella nel carcere di Rebibbia Nuovo Complesso. A dare la notizia del 16mo decesso avvenuto nelle carceri del Lazio dall’inizio del 2013 è il Garante dei detenuti del Lazio Angiolo Marroni.

Secondo le prime informazioni, le cause della sua morte sono ancora da stabilire: quel che è certo è che nei locali dove l’uomo è stato trovato morto ieri sera si avvertiva un forte odore di gas fuoriuscita dalla bomboletta che alimenta il fornello che utilizzano i detenuti.

Originario di El Salvador, Cristian era stato arrestato lo scorso anno per violenza a pubblico ufficiale, ed aveva un fine pena a marzo 2014. Alcolista, era stato preso in carico dal Sert e, a quanto sembra, una struttura assistenziale della Capitale si era reso disponibile ad ospitarlo fino alla fine della pena.

Quello di Cristian è il 16mo decesso registrato nelle carceri del Lazio da gennaio ad oggi: cinque sono stati i suicidi, quattro i decessi per malattia e sei per cause da accertare. Al computo va aggiunta anche una donna che lavorava come infermiera a Rebibbia.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«Sarà la magistratura a stabilire se quello di Cristian sia stato un suicidio o un altro tipo di morte - ha detto il Garante dei detenuti Angiolo Marroni – Quel che e certo è che la sua era una storia di forte disagio e di emarginazione sociale. La dipendenza, in questo caso dall’alcool, è una malattia che, certamente, in carcere non può curare. Cristian doveva giustamente scontare la sua pena, ma fuori dal carcere, in una struttura in grado di aiutarlo concretamente a superare le sue problematiche».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • I 5 borghi da visitare in Ciociaria

  • Coronavirus in Ciociaria: uno dei 2 nuovi casi è un 51enne di Pontecorvo andato al pronto soccorso

  • Cassino, grave schianto tra auto lungo la Casilina in direzione Cervaro

  • Omicidio Willy, gli aggressori percepivano il reddito di cittadinanza

  • Coronavirus, reso noto il boom di casi in Ciociaria. D'Amato: 'Assembramenti di genitori all'entrata delle scuole'

  • Weekend in Ciociaria, cosa fare sabato 19 e domenica 20 settembre

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FrosinoneToday è in caricamento