menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Lucia Sallustio

Lucia Sallustio

Ariccia, Luisa Sallustio lancia la sua candidatura a sindaco

“Mettiamo fine al feudo Cianfanelli. Sono pronta a guidare la città con la competenza di chi ha già esperienza nell' amministrazione del nostro territorio".

"Mettiamo fine al feudo Cianfanelli. Sono pronta a guidare la città con la competenza di chi ha già esperienza nell' amministrazione del nostro territorio".

"E' ufficiale: mi candido a sindaco di Ariccia". La politica non aspetta e questo Luisa Sallustio lo sa bene. Archiviate le divergenze con il Partito democratico da cui ha di recente preso le distanze, l'ex presidente del Consiglio del comune castellano ha le idee chiare su quella che sarà la sua agenda personale nei mesi a venire.

Dopo due consiliature, un'esperienza ventennale in campo amministrativo e gestionale, un figlio e un impegno quotidiano di donna, madre, amministratrice pubblica e professionista stimata, la Sallustio è pronta per il grande passo.

"La nostra città oggi vive un momento cruciale - ha dichiarato - dopo innumerevoli giunte Cianfanelli, si avverte chiaramente il bisogno di un passaggio di testimonio. Rispetto il sindaco uscente, ma vent'anni di governo sono tanti, troppi. In ogni organizzazione democratica che si rispetti - prosegue Sallustio - il ricambio della classe dirigente, sindaco compreso, rappresenta un passaggio necessario all'acquisizione di un punto di vista nuovo nella gestione del bene comune".

Esperienza decennale all'interno del Consiglio, competenze amministrative e di contabilità pubblica, oltre ad una conoscenza effettiva delle criticità da affrontare, sono i punti di forza della sua candidatura alla carica di primo cittadino.

"Sono pronta a mettermi al timone di Ariccia - dichiara Sallustio - convinta che, per ricoprire questa carica, serva cognizione di causa dei problemi locali e della loro collocazione all'interno del territorio provinciale di Roma. Prerogativa, questa, che soltanto chi ha già ricoperto un incarico pubblico a livello cittadino può avere".

E chi, meglio di una commercialista, può dare risposte funzionali in materia di fruizione dei finanziamenti messi a disposizione dalla comunità europea - risorsa finora ignorata - rilancio del commercio e dello sviluppo imprenditoriale, implementazione dei settori formativo e culturale. Senza tralasciare un riordino della viabilità ed una maggiore sensibilità verso le problematiche sociali legate a giovani ed anziani.

"Ricordo che il nostro comune presenta ad oggi alcuni capitoli aperti che necessitano di una conoscenza di lungo corso che non si crea di certo dall'oggi al domani - riprende - e mi riferisco al discorso demolizioni, affrontato in maggioranza, purtroppo solo nell'ultimo scorcio di Legislatura, a mio avviso senza l'attenzione che le delicate implicazioni sociali richiamate avrebbero richiesto. Per tali ragioni - conclude - ritengo di essere la persona giusta alla guida del nostro comune che so di poter indirizzare verso un percorso di rinascita economica e di riorganizzazione generale all'altezza delle aspettative dei miei elettori".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Attualità

    Il mistero del lago di Canterno o "lago fantasma"

  • Eventi

    Ciaspolando a Punta della Valle

  • Eventi

    Un Brindisi al 2021 da Pizzo Deta

Torna su

Canali

FrosinoneToday è in caricamento