menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Giorgio Greci durante un consiglio comunale riguardante proprio il tema rifiuti

Giorgio Greci durante un consiglio comunale riguardante proprio il tema rifiuti

Velletri, Greci; la città non vuole nessuna centrale di Biogas sul proprio territorio

E’ un giorno da segnare col circoletto ‘rosso’ sul calendario quello del 3 settembre, nella cui mattinata, nella sala commissioni del palazzo comunale veliterno, la Commissione Speciale sui Rifiuti, istituita nei mesi scorsi allo scopo di far luce...

E' un giorno da segnare col circoletto 'rosso' sul calendario quello del 3 settembre, nella cui mattinata, nella sala commissioni del palazzo comunale veliterno, la Commissione Speciale sui Rifiuti, istituita nei mesi scorsi allo scopo di far luce sulle politiche da adottare nel settore, si è riunita presentando la bozza della sospirata relazione finale.

Un lavoro coralmente apprezzato, quindi, quello portato a termine dal dottor Greci, che sin dall'inizio ha preso in mano la questione dimostrando un attaccamento quasi maniacale alla causa, "col fermo intento - parole che il presidente della Commissione ha ripetuto spesso - di tutelare la salute della nostra popolazione e non creare nocumento alle attività agricole presenti sul territorio".

E' così che nella mattina di giovedì i membri di minoranza hanno portato alla sua attenzione la bozza della relazione finale, composta da oltre 50 pagine a cui lo stesso Greci ha contribuito fattivamente.

"Nella stessa - lo svela proprio Giorgio Greci - si è arrivati alla conclusione che al termine di diverse sedute, nel corso delle quali sono stati coinvolti svariati esperti del settore, la commissione si è orientata nell'indirizzare il consiglio comunale ad abbandonare qualsiasi ipotesi di Impianto di digestione anaerobica. Contestualmente si è deciso di virare sulla strada che prevede la raccolta della frazione organica dei rifiuti solo nel centro cittadino, con un sensibile abbattimento del conferimento da gestire. Parallelamente si procederà al compostaggio obbligatorio per i residenti nelle zone agricole, con l'istituzione di un apposito albo dei compostatori, con tanto di incentivi per chi ne farà parte. Il tutto sarà completato da mini-impianti aerobici, non più di due o tre, da dislocare nel territorio di Velletri".

Una soluzione, a basso impatto, che ha trovato anche il plauso di Comitati ed associazioni ambientaliste. Al termine dei lavori Greci ha rimarcato come la "bozza finale sia stata preparata in collaborazione tra tutti i membri di minoranza, col fattivo contributo di Fabio Taddei, in rappresentanza del Comitato 'No Biogas No Discarica'. Ci aspettavamo integrazioni da parte della maggioranza, che ad oggi non sono ancora pervenute, ma siamo certi che alla fine anche loro finiranno per sposare un progetto nei confronti del quale anche i vertici regionali sembrano benevolmente orientati".

Greci, a margine della seduta, ha tenuto a ringraziare ognuno dei membri della Commissione, "per aver contribuito a tenere alto il livello del dibattito e aver avuto la volontà e l'umiltà di approfondire fino in fondo temi dei quali, all'inizio, molti di noi eravamo quasi digiuni. Sono molto soddisfatto del lavoro di sintesi che si è fatto in questi giorni, e plaudo convintamente all'operato di Dario Di Luzio, Paolo Trenta e Fabio Taddei. Non posso non ringraziare il consigliere regionale Giancarlo Righini, che ha lavorato a rendere possibile che potessimo essere ricevuti per ben due volte in Regione, in due distinte e proficue audizioni coi vertici regionali, nel corso delle quali abbiamo presentato le nostre istanze, sviscerandole punto per punto. Ringrazio altresì Lamberto Trivelloni per aver promosso l'incontro presso il Ministero della Salute, al cospetto del Ministro Lorenzin, alla quale avevamo espresso tutte le nostre preoccupazioni circa i progetti del mega polo dei rifiuti e dell'impianto biogas, ricevendone in cambio ampie rassicurazioni circa un interessamento del Governo al 'caso Velletri'".

In un giorno in cui si è in vena di ringraziamenti giova ricordare che sul risultato si confida in una "condivisione il più ampia possibile da parte dell'amministrazione e della maggioranza, anche se a naso - conclude proprio Greci - si respira la volontà di trovare una decisiva sintesi proprio sul compostaggio aerobico". E allora si che quel jolly tanto a lungo auspicato sarà calato. Con successo.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Attualità

    Il mistero del lago di Canterno o "lago fantasma"

  • Eventi

    Ciaspolando a Punta della Valle

  • Eventi

    Un Brindisi al 2021 da Pizzo Deta

Torna su

Canali

  • Homepage
  • Ultim'ora
  • Cronaca
  • Zone e Quartieri
  • Sport
  • Politica
  • Eventi
  • Cinema
  • Economia e Lavoro
  • Salute
  • Attualità
  • Ambiente
  • Video
  • Foto
  • Notizie dall'Italia
  • Meteo
  • Segnalazioni
  • Opinioni
FrosinoneToday è in caricamento