Frosinone, Provincia riunione tecnica per soluzione sede alberghiero di Cassino

Si è tenuta nella giornata odierna la riunione per affrontare il problema venutosi a creare presso la struttura edilizia che ospita l’Istiuto Alberghiero di Cassino dove si è palesato il cedimento di una parete e le lezioni sono state sospese...

Riunione fauna

Si è tenuta nella giornata odierna la riunione per affrontare il problema venutosi a creare presso la struttura edilizia che ospita l’Istiuto Alberghiero di Cassino dove si è palesato il cedimento di una parete e le lezioni sono state sospese. Presenti la Provincia di Frosinone con la sua struttura tecnica e i Consiglieri provinciali Germano Caperna e Massimiliano Mignanelli; i Presidi dell’Istituto Alberghiero e dell’Istituto per Geometri di Cassino. La provincia si è impegnata a concedere cinque aule dell’Istituto per Geometri in accordo con il capo d’istituto. Si è stabilito inoltre di verificare, insieme alla proprietà dello stabile che ospita l’Alberghiero di trovare una soluzione immediata per quanto attiene il crollo della parete e, contestualmente, verificare l’agibilità della stessa struttura. Si tratta comunque di soluzioni d’emergenza per consentire ai ragazzi di terminare l’anno scolastico, la Provincia, attraverso i suoi Consiglieri Caperna e Mignanelli, si è infatti impegnata a rivedere completamente la sistemazione dell’Istituto e renderla definitiva e adeguata, anche per quanto riguarda le capienze e a renderla efficace già per il prossimo anno scolastico, 2015/2016.

La Perside dell’Istituto Alberghiero ha sottolineato come l’incontro sia stato molto proficuo, anche per trovare la soluzione temporanea che consentirà di riprendere le attività scolastiche.

I CONSIGLIERI MIGNANELLI E CAPERNA SU ISTITUTO ALBERGHIERO DI CASSINO

“L’Istituto Alberghiero di Cassino tornerà al più presto a lezione. Questa mattina nella riunione per affrontare i problemi dovuti al crollo di un muro che ha comportato, come è noto, l’interruzione dei corsi, è stato ristabilito il clima collaborativo di tutte le parti in causa, fondamentale per ottenere risultati nel minor tempo possibile. La prossima settimana, dopo che intanto saranno stati effettuati i saggi che occorrono, ci rivedremo di nuovo e daremo corso alla soluzione temporanea che permetterà di terminare i corsi quest’anno. Tengo molto a precisare che per noi non esistono scuole di serie a e scuole di serie b e, nel minor tempo possibile daremo anche all’Alberghiero di Cassino una sistemazione consona e definitiva”.

Lo afferma il Consigliere provinciale Massimiliano Mignanelli.

“I problemi dell’Istituto Alberghiero di Cassino sono in primo piano nella nostra agenda e li risolveremo nel minor tempo possibile. Già nella riunione di questa mattina sono state individuate delle soluzioni e la prossima settimana saranno formalizzate. Voglio sottolineare che, insieme con il consigliere Mignanelli, stiamo lavorando per ottenere il massimo del risparmio di spesa per l’edilizia scolastica cercando delle soluzioni che tendano alla diminuzione sostanziale, se non all’eliminazione, dei costi per fitti. Realizzeremo così dei risparmi che utilizzeremo per lavori e manutenzioni. L’Istituto Alberghiero di Cassino sarà tra le prima scuole che avranno una sistemazione definitiva”.Lo afferma il Consigliere provinciale Germano Caperna

IL VICEPRESIDENTE AMATA, CON IL SINDACO DI ALVITO MARTINI, INCONTRANO IL RETTORE DELL’UNIVERSITA’ DI CASSINO: “AVVIARE UN DIALOGO PER LA CREAZIONE DI UN PERCORSO DI ALTA FORMAZIONE NEL SETTORE AGRICOLO IN VAL COMINO”

Avviare un dialogo tra le istituzioni per la costruzione di un percorso di alta formazione nel campo dell’agricoltura, che formi personale con specifiche competenze da utilizzare in un settore strategico per il rilancio dell’economia del territorio e che abbia come baricentro la Valle di Comino, dove già esiste un Istituto omnicomprensivo con indirizzo agrario presso la città Alvito.

Tutti i presenti hanno manifestato apprezzamento per gli impegni assunti da Magliocchetti e tutti hanno convenuto sul fatto che la provincia di Frosinone non può continuare a subire decisioni romanocentriche che, di fatto, la penalizzano a tutto vantaggio della Capitale. Non si vogliono condurre inutili battaglie campanilistiche di retroguardia, ma è un fatto che, da tempo, i territori non vengono considerati dai palazzi romani. A tale scopo, si è ipotizzato di coinvolgere tutti i delegati alle politiche agricole delle altre province del Lazio, per avere maggiore peso specifico nella definizione della prossime politiche venatorie regionali.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Neve a Frosinone "quando nevicherà?" Cosa dicono le previsioni meteo

  • Giovane infermiera muore nel sonno, familiari e colleghi sotto choc

  • Coronavirus, la Ciociaria ed il Lazio in zona arancione: indice Rt e ricoveri oltre la soglia. Cosa cambia

  • Tanta acqua e poco carburante nelle cisterne: denunciato titolare di un distributore (video)

  • Neve in Ciociaria, a Frosinone ed altri comuni chiuse le scuole lunedì 18

  • Coronavirus in Ciociaria: il bollettino di giovedì 14 gennaio. Lazio ormai avviato alla zona arancione

Torna su
FrosinoneToday è in caricamento