Roma, arrestati 2 ladri che rubavano su ordinazione internazionale articoli di lusso nelle boutique di via condotti

 I Carabinieri della Stazione di Roma San Lorenzo in Lucina hanno arrestato  una coppia di cittadini romeni, lui 42enne e lei 33enne, trovati in possesso di borse di lusso, rubate poco prima all’interno delle boutique di via dei Condotti “Philipp...

centro-il-dispositivo-jammer-utilizzato-per-eludere-gli-allarmi-antitaccheggio-2

I Carabinieri della Stazione di Roma San Lorenzo in Lucina hanno arrestato una coppia di cittadini romeni, lui 42enne e lei 33enne, trovati in possesso di borse di lusso, rubate poco prima all’interno delle boutique di via dei Condotti “Philipp Plain”, “Christian Dior”, “Gucci” e “Louis Vuitton”, nonché di strumenti elettronici idonei ad inibire le frequenze radio dei dispositivi antifurto installati alle uscite degli esercizi commerciali.

I Carabinieri di San Lorenzo in Lucina, quotidianamente impegnati per prevenire ogni fenomeno di illegalità nel cuore della Capitale, hanno notato i due che entravano ed uscivano freneticamente dai negozi lungo la regina delle vie dello shopping; davanti alla boutique di Louis Vuitton, in particolare, li hanno visti uscire di corsa con l’uomo in particolare che presentava un vistoso rigonfiamento sotto la giacca. A quel punto è scattato il controllo. L’uomo nascondeva una borsa da donna del valore di circa quattromila euro asportata dalla boutique della griffe francese e in tasca aveva un dispositivo elettronico, cosiddetto jammer, che comunemente inibisce le frequenze radio, nel caso specifico dei dispositivi antifurto installati alle uscite degli esercizi commerciali e di fatto li neutralizza.

La successiva perquisizione scattata nel loro SUV Audi Q5, parcheggiato in via Sistina, ha permesso ai Carabinieri della Stazione di Roma San Lorenzo in Lucina di recuperare altre tre borse rubate in precedenza in altre boutique di via dei Condotti oltre ad una tronchese utilizzata per la rimozione delle placche antitaccheggio magnetiche.

Tra le loro cose, i Carabinieri hanno inoltre scovato documentazione che dimostrerebbe come i due ladri si spostavano in varie città europee dove, con la medesima tecnica, rubavano articoli di lusso che fotografavano e inviavano ad una serie di contatti attraverso sistemi di messaggistica istantanea, agendo probabilmente su ordinazione. Le costose borse sono state restituite ai responsabili dei negozi derubati

CERVETERI, CAMPO DI MARE: DENUNCIA I SUOI ESTORSORI. 4 ARRESTI DEI CARABINERI.

I Carabinieri della Compagnia di Civitavecchia hanno arrestato, in esecuzione di provvedimento cautelare emesso dal GIP del Tribunale di Civitavecchia, G.M. 37enne, F.M. 43enne, B.D 43enne e M.C. 22enne, tutti nomadi di etnia Sinti da anni residenti in Cerveteri e già noti alle Forze dell’Ordine, per estorsione aggravata e continuata in concorso.

Era il settembre del c.a quando una donna del luogo si è presentata presso la Stazione Carabinieri di Campo di Mare per denunciare le continue richieste di esose somme di denaro, a partire dalla precedente primavera, da parte di 4 soggetti, tra cui una coppia di noti pregiudicati del luogo. Le richieste degli stessi scaturivano da una precedente consegna di 5.500 euro da parte di uno di questi al padre della denunciante, quale acconto per la compravendita di un terreno che, per ragioni tecniche, non si era perfezionata.

Da quel momento l’intero nucleo familiare dell’uomo, che non aveva più la disponibilità economica per poter restituire nell’immediatezza l’intera caparra, aveva subito continue “visite” e minacce da parte dei 4 soggetti, anche di morte, volte a ottenere una somma di gran lunga maggiore rispetto al credito realmente vantato. Gli estorsori inoltre, per rafforzare le loro richieste, avevano minacciato che, se non avessero pagato quanto richiesto, avrebbero fatto intervenire altra famiglia nomade molto nota nella provincia, con cui millantavano di avere legami di parentela, che si “sarebbe occupata” della faccenda, invadendo la loro proprietà e costringendoli a versare il denaro dovuto.

Infatti, nonostante l’uomo avesse versato ai suoi creditori la somma contante di 2.500 euro, i soggetti, con la forza, si erano impossessati di un trattore cingolato di proprietà del debitore e di un’autovettura di proprietà della figlia, persona assolutamente estranea agli affari del padre. Ma tale situazione non aveva calmato i soggetti, che avevano continuato a pretendere altro denaro in maniera sempre più insistente, nonostante avessero ottenuto denaro e beni per un valore approssimativo di circa 15.000 euro.

L’attività di indagine, denominata “Operazione Land”, avviata dai militari della Stazione di Campo di Mare, svolta attraverso metodi di investigazione classici quali assunzione di testimonianze, servizi di osservazione e controllo e acquisizione di documentazione varia riguardante terreni e veicoli, ha consentito di individuare i 4 soggetti componenti il sodalizio criminale, che avevano posto in essere le condotte incriminate in danno del citato nucleo familiare, nonché accertare il possesso, da parte degli indagati, dei beni indebitamente sottratti alle vittime.

Pertanto, sulla base dei gravi indizi di colpevolezza raccolti a carico degli stessi in ordine al delitto di estorsione aggravata e continuata, i Carabinieri della Stazione CC Campo di Mare hanno redatto un’articolata informativa richiedendo l’emissione di misure cautelari in capo agli indagati. Il GIP del Tribunale di Civitavecchia, su conforme proposta del Pubblico Ministero, ha accolto pienamente le risultanze investigative emerse nel corso delle indagini, emettendo il provvedimento cautelare che dispone la custodia in carcere per la coppia, i soggetti principali della condotta incriminata, e gli arresti domiciliari per i due soggetti che avevano collaborato con loro nell’esecuzione dell’illecita attività.

Inoltre nel corso dell’attività i militari operanti hanno rinvenuto e sequestrato l’autovettura di cui i soggetti si erano indebitamente appropriati, affidandola in custodia alla legittima proprietaria, che potrà presto riaverne la disponibilità effettiva.

Pertanto, esperite le formalità del caso, G.M. e la convivente F.M. sono stati associati alla casa Circondariale di Civitavecchia, mentre B.D e M.C. sono stati accompagnati presso le rispettive abitazioni e sottoposti al regime degli arresti domiciliari, per rimanere a disposizione della competente Autorità Giudiziaria alla quale dovranno rispondere del grave reato loro contestato.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

15/11/2016

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Jonathan Galindo fa paura anche a Frosinone: denuncia di un padre a “Le Iene”

  • Coronavirus, Frosinone è la provincia più contagiata del Lazio

  • Coronavirus in Ciociaria, record di tamponi e boom di casi: 63 in 29 Comuni. Positivi anche tre studenti e una maestra

  • Cassino, due quindicenni pestati a sangue dai bulli per gelosia

  • Coronavirus a non finire: in Ciociaria ben 100 dei 795 casi del Lazio. D'Amato: 'Siamo a un livello arancione'

  • Coronavirus, aggiornato l’elenco delle strutture ciociare che effettuano il ‘tampone rapido’ a 22 euro

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FrosinoneToday è in caricamento