Martedì, 19 Ottobre 2021
Roma

Roma, al Quadraro promette un posto di lavoro in cambio di 10mila euro. Ostia, “fermato” un albanese con 2 Kg di cocaina

I Carabinieri della Stazione Roma Quadraro hanno denunciato in stato di libertà  un 58enne romano che prometteva assunzioni facili nel Corpo Forestale dello Stato millantando amicizie con “personaggi potenti”, facendosi corrispondere, in cambio...

I Carabinieri della Stazione Roma Quadraro hanno denunciato in stato di libertà un 58enne romano che prometteva assunzioni facili nel Corpo Forestale dello Stato millantando amicizie con "personaggi potenti", facendosi corrispondere, in cambio della sua intercessione, consistenti somme di denaro.L'uomo, già conosciuto alle forze dell'ordine, nel mese di ottobre dello scorso anno, ha stretto contatti con un operaio di 56 anni che stava cercando lavoro per il figlio disoccupato. Il truffatore gli ha promesso di poter facilmente trovare la strada per farlo assumere nel Corpo Forestale dello Stato, ma per "sbloccare la pratica" sarebbero occorsi circa 10.000 euro. Il 58enne, per battere la reticenza della vittima, ha persino mostrato altri presunti contratti di assunzione stipulati grazie al suo "aiuto", risultati poi tutti fasulli.

Il 56enne, ingenuamente e all'insaputa della famiglia, ha consegnato il denaro in più tranche, ovviamente senza ottenere nulla di concreto. All'ennesima promessa millantata, la vittima si è insospettita e si è rivolta ai Carabinieri della Stazione Roma Quadraro.

I militari dell'Arma, a seguito di una brave attività d'indagine, hanno accertato che il truffatore aveva già incassato 9.600 euro in contanti. Cosi per il 58enne, rintracciato dai Carabinieri, è scattata la denuncia a piede libero con l'accusa di truffa aggravata e falsità ideologica commessa dal privato in atto pubblico. L'uomo, accompagnato in caserma, ha poi confessato ai Carabinieri di aver messo in atto la truffa in quanto affetto da una dipendenza al gioco e alle "slot machine" e di aver già sperperato l'intera somma consegnata dalla vittima.

OSTIA - CARABINIERI FERMANO CITTADINO ALBANESE CON IN AUTO 2 KG DI COCAINA PURISSIMA.

I Carabinieri del Gruppo di Ostia hanno arrestato un cittadino albanese di 37 anni trovato in possesso di 2 kg di cocaina purissima. L'uomo, fermato alla guida di una Opel Astra per un normale controllo, alla vista dei militari dell'Arma ha iniziato ad innervosirsi. I Carabinieri, a questo punto, si sono insospettiti ed hanno deciso di ispezionare il veicolo. Da un accurato controllo, sotto il sedile del guidatore, sono spuntati 2 kg di polvere bianca che dalle analisi è risultata cocaina purissima. Il 37enne è stato immediatamente arrestato ed associato presso la Casa Circondariale di Roma Regina Coeli, a disposizione dell'Autorità Giudiziaria. La droga immessa sul mercato avrebbe fruttato oltre duecentomila Euro.

ROMA - ATTIVITA' ANTIBORSEGGIO DEI CARABINIERI. IN POCHE ORE 7 "MANOLESTA" ARRESTATI.

Non conosce soste l'attività antiborseggio dei Carabinieri di Roma. Il bilancio conta in poche ore 7 borseggiatori arrestati nei pressi di fermate metropolitane, a bordo di autobus di linea e all'interno di esercizi commerciali.

Le prime due a finire nella rete dei militari dell'Arma sono state due nomadi, entrambe 15enni e provenienti dal campo di Castel Romano, arrestate dai Carabinieri del Nucleo Radiomobile di Roma, all'interno di un vagone della Linea "B" della Metropolitana, all'altezza della fermata "Colosseo". Le due giovani sono state sorprese subito dopo aver rubato il portafogli con 350 euro ad una turista greca. L'uomo ha sfilato un'I-Phone 5 dalle tasche di una turista. I Carabinieri della Stazione Roma Quirinale hanno fermato due nomadi provenienti dal campo di via Pontina, entrate in azione nella stazione della metropolitana "Termini". Poco dopo, sempre all'altezza della fermata "Termini", i Carabinieri della Stazione Roma San Pietro hanno arrestato un cittadino romeno di 32 anni, con precedenti, fermato dopo aver "alleggerito" del portafogli un turista statunitense. Protagoniste dell'ultimo episodio, sono state due nomadi di 19 e 25 anni che in piazza San Giovanni in Laterano sfilato un'I-Phone 5 ad una ragazza austriaca. In tutti i casi la refurtiva è stata interamente recuperata e restituita alle vittime mentre i manolesta arrestati sono a disposizione dell'Autorità Giudiziaria, in attesa del rito direttissimo e dovranno rispondere di furto aggravato.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Roma, al Quadraro promette un posto di lavoro in cambio di 10mila euro. Ostia, “fermato” un albanese con 2 Kg di cocaina

FrosinoneToday è in caricamento