menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Serrone, domenica 27 il Presepe diverrà vivente. Polenta serale per tutti

Come per magia il Presepe Etnografico a Grandezza Naturale più lungo d’Italia  e aperto H24, che tutti i paesi intorno stanno scopiazzando, raffigurante i costumi ed i mestieri di una volta domenica 27 dicembre si animerà grazie

Come per magia il Presepe Etnografico a Grandezza Naturale più lungo d'Italia e aperto H24, che tutti i paesi intorno stanno scopiazzando, raffigurante i costumi ed i mestieri di una volta domenica 27 dicembre si animerà grazie

ai ragazzi ed alle ragazze dell'Associazione Culturale SerrOne 1 che vestiti con i costumi ciociari, andranno a sostituire i manichini per dare ancora più slancio a questo straordinario capolavoro che a Serrone si ripete da 19 anni e che sta sempre più richiamando persone non solo del circondario.

Nel pomeriggio del giorno di Natale centinaia e centinaia di persone si sono riversate all'interno del Presepe a Grandezza Naturale, posto nel bellissimo borgo antico di Serrone che sta per compiere i suoi primi mille anni di vita, per stare insieme agli stupendi manichini a cui manca solamente la parola. Parola, che sarà data loro domenica 27 a partire dalle ore 15, quando alcuni di questi saranno sostituiti dalle persone che svolgeranno i mestieri di una volta. Ci saranno le cantine aperte. Cantine di degustazione e cantine di artigianato locale. La mostra personale dell'artista Luigi Centra, nonché il Museo dei Costumi teatrali con all'interno un vestito di Giovanni Paolo II. Al centro della gastronomia ci sarà anche la Ciammella Serronese, ne dolce ne salata, che si può mangiare sia come pane oppure come dolce, perché ha un gusto davvero unico ed è molto singolare. Finalmente si sta riscoprendo, non solo il valore tradizionale del dolce in quanto tale, ma si riscopre anche la storia di questa ciammella, che oltre duecento anni fa il fidanzato regalava alla futura suocera per farsi dare l'approvazione per uscire con la figlia. Domenica prossima il vecchio forno di Flonsa, proprio al centro del Presepe a Grandezza Naturale, sarà riacceso per fare pizze e tante altre bontà e si potrà trascorrere quindi una domenica diversa, vivendo un'atmosfera particolare tra tradizioni, enogastronomia e misticità. La serata sarà chiusa con una polentata, offerta dall'Associazione Culturale Serrone presieduta da Tonino Serafini che ha installato il Presepe a Grandezza Naturale, sotto la regia dello scenografo siciliano Santi Migneco, che da diversi anni risiede a Serrone, con il Patrocinio del Comune di Serrone, della BCC di Paliano, della Regione Lazio, della Provincia di Frosinone, e della Strada del Cesanese, il tutto inserito nella manifestazione Natale a Serrone.

Giancarlo Flavi

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Attualità

    Il mistero del lago di Canterno o "lago fantasma"

  • Eventi

    Ciaspolando a Punta della Valle

  • Eventi

    Un Brindisi al 2021 da Pizzo Deta

Torna su

Canali

FrosinoneToday è in caricamento