menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

San Cesareo, scoperta nelle campagne coltivazione con 30 piante di “Maria”. 4 arresti

I Carabinieri della Stazione di San Cesareo, nell’ambito dei servizi volti al contrasto dello spacciodi sostanze stupefacenti sul territorio, hanno disarticolato una banda composta da tre cittadini

I Carabinieri della Stazione di San Cesareo, nell'ambito dei servizi volti al contrasto dello spacciodi sostanze stupefacenti sul territorio, hanno disarticolato una banda composta da tre cittadini

marocchini ed una cittadina italiana che in aperta campagna aveva messo su un vero e proprio vivaio formato da una piantagione di marijuana.

A conclusione di una breve attività d'indaginei militari hanno perquisito alle prime luci dell'alba una villetta indipendente nel comune di San Cesareo dove hanno trovato uno dei quattro arrestati mentre stava innaffiandola piantagione antistante la proprietà.

I Carabinieri di San Cesareo hanno sequestrato oltre 30 piante di marijuana alte circa tre metri. La successiva perquisizione all'interno dell'abitazione degli altri tre componenti ha consentito di rinvenire e sequestrare ulteriori dosi di hashish già confezionate e pronte per essere messe sul mercato, oltre ad una busta contenente circa 2,5 kg di semi di Marijuana. Sequestrata anche un'agenda con nomi, numeri e vari riferimenti che ora i Carabinieri di san Cesareo dovranno vagliare per ulteriori spunti investigativi. Gli arrestati, classe '60,'67, '89 cittadini marocchini e la ragazza italiana classe '93 sono stati arrestati e accompagnati presso il loro domicilio in regime di arresti domiciliari.Dovranno rispondere di coltivazione ai fini di spaccio sostanze stupefacenti.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Attualità

    Il mistero del lago di Canterno o "lago fantasma"

  • Eventi

    Ciaspolando a Punta della Valle

  • Eventi

    Un Brindisi al 2021 da Pizzo Deta

Torna su

Canali

FrosinoneToday è in caricamento