Sant'Elia, grave infortunio agricolo: noto imprenditore rischia di rimanere decapitato dalla motosega (Foto choc)

L'incidente si è verificato in via Tascitara e solo per un caso le lame dell'attrezzo non hanno reciso la vena giugulare esterna. L'uomo trasportato d'urgenza al 'Santa Scolastica'

La profonda ferita provocata dalla motosega

Sarebbe morto decapitato o dissanguato se le lame della motosega non si fossero fermate ad un centimetro dalla vena giugulare esterna. Per un noto imprenditore di Sant'Elia, vittima di un drammatico incidente agricolo, tutto si è fortunatamente risolto con numerosi punti di sutura, un'ampia cicatrice sul collo e la consapevolezza di essere stato 'miracolato'.

L'infortunio

L'infortunio si è verificato nella mattinata di mercoledì in un terreno di via Tascitara dove l'uomo, titolare di un'avviatissima attività commerciale a Cassino, stava potando dei rami di ulivo. Un lavoro di routine che viene svolto dopo la raccolta delle olive. Improvvisamente, forse per un movimento brusco oppure a causa di un momento di distrazione, il cinquantasettenne ha perso il controllo della motosega che ha attecchito dapprima alla camicia dilaniandola e poi al collo.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La profonda ferita e la corsa in ospedale

"Ho chiuso gli occhi e pensato che fosse finita. Quando si svolgono questi lavori bisogna avere il massimo della concentrazione. Un momento di distrazione può causare la morte". Sposato, con due figli e quattro nipoti tutti in tenera età l'imprenditore è stato trasportato d'urgenza al 'Santa Scolastica' e ricoverato nella sala rossa. Qui i medici con grande professionalità hanno dapprima pensato a bloccare l'emorragia ed in un secondo tempo ad applicare molti punti di sutura. Tenuto sott'osservazione per ore poi è stato dimesso. La famiglia ha autorizzato la pubblicazione della fotografia per far comprendere quanto, un momento di distrazione seppur breve, può essere fatale e causare danni a volte irreparabili.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Pontecorvo, speciale elezioni: Anselmo Rotondo resta sindaco (video)

  • Coronavirus in Ciociaria: uno dei 2 nuovi casi è un 51enne di Pontecorvo andato al pronto soccorso

  • Coronavirus, impennata di casi di positivi a Colleferro. Ecco cosa è successo

  • Omicidio Willy, tracce organiche nella macchina dei fratelli Marco e Gabriele Bianchi

  • Omicidio Willy, lo sfogo del gestore di un locale di Colleferro: “non siamo il cancro di questa città”

  • Referendum, passa il taglio dei parlamentari. In Ciociaria il sì arriva al 75%, ma non ha votato più della metà degli elettori

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FrosinoneToday è in caricamento