Stupro di gruppo nei confronti di un ragazzo disabile, finisce in cella dopo 18 anni

Il drammatico episodio è avvenuto nell'agosto del 2000 ad Esperia. Cinque aguzzini vennero arrestati dai carabinieri. La condanna per uno di loro è divenuta esecutiva: dovrà scontare i quattro anni di pena inflitti dai giudici

Lo sequestrarono e lo stuprarono con un bastone. Per gioco o per ripicca. Lui era un disabile ed all'epoca di quell'indegno sopruso, nell'agosto del 2000, aveva poco più di venti anni. Ora a distanza di ben diciotto anni da quei fatti orribili ed incresciosi che sconvolsero l'intero cassinate, uno degli aguzzini di quel ragazzo, residente a San Giorgio a Liri, è finito in carcere. È divenuta esecutiva la pena a quattro anni di carcere, inflitta dai giudici in tutti e tre i gradi di giudizio con la grave accusa di 'stupro di gruppo'.

I fatti

La vittima, con una scusa, venne caricata su una Fiat Punto e condotta in una zona impervia e montuosa di Esperia, dai cinque conoscenti. Qui, senza che nessuno potesse aiutarlo il ventenne, venne violentato anche con un bastone. Poi venne lasciato solo e terrorizzato in quel luogo sperduto. Venne trovato da un pastore che diede l'allarme. In poche ore i militari del Nucleo Operativo Aliquota Radiomobile, coordinati dell'allora capitano Gianluca Trombetti, comandante della Compagnia di Pontecorvo, individuarono i cinque stupratori che vennero arrestati. La giovanissima vittima riportò ferite che richiesero lunghi periodi di degenza in ospedale.

La motivazione

I cinque accusati di stupro di gruppo, secondo quanto ricostruito dagli investigatori, avrebbero preso di mira la vittima, costringendola ad un gioco balordo perchè ritenuta dai suoi aguzzini 'diversa'.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidenti stradali, choc e dolore per la morte della piccola Asia

  • Coronavirus, il Lazio resta zona 'gialla' ma Zingaretti emette nuova ordinanza

  • Scuola, mascherine inadatte: mamma ciociara scrive e la Ministra Azzolina risponde (foto)

  • Omicidio Gabriel, ergastolo al papà Nicola Feroleto

  • Coronavirus, oggi si deciderà se la Ciociaria e il resto del Lazio entreranno in zona arancione o meno

  • Cassino, bruciano le auto di un imprenditore: l'incendio è doloso

Torna su
FrosinoneToday è in caricamento