Tivoli-Castelverde,  trovati con oltre 1 chilo e mezzo di marijuana: coppia arrestata dai carabinieri

- Continuano i controlli dei Carabinieri della Compagnia di Tivoli finalizzati alla prevenzione ed alla repressione dello spaccio di sostanze stupefacenti. A finire nella rete dell'Arma, questa volta è stata una coppia di origine nigeriana, con...

- Continuano i controlli dei Carabinieri della Compagnia di Tivoli finalizzati alla prevenzione ed alla repressione dello spaccio di sostanze stupefacenti. A finire nella rete dell'Arma, questa volta è stata una coppia di origine nigeriana, con precedenti specifici.

I militari avevano notato un continuo andirivieni dal loro appartamento in cui la donna, in stato interessante, aveva da poco ottenuto la sospensione degli arresti domiciliari sempre per reati inerenti gli stupefacenti, in località Castelverde. Dopo aver appurato che un giovane, appena uscito dalla casa, aveva con sé qualche grammo di “erba”, i Carabinieri hanno deciso di intervenire: durante la perquisizione, i militari hanno rinvenuto oltre 1,5 Kg di marijuana e un’ingente somma di denaro contante, circa 5.000 euro, nascosti nella camera da letto dei coniugi.

Per la coppia sono scattate le manette. La donna si trova, ora, agli arresti domiciliari mentre l’uomo è trattenuto in caserma: entrambi sono in attesa di essere giudicati con rito direttissimo.

SANTA MARINELLA, VOLONTARIA DELLA PROTEZIONE CIVILE E PIROMANE. ARRESTATA DAI CARABINIERI MENTRE APPICCA LE FIAMME A 2 ETTARI DI MACCHIA MEDITERRANEA.E’ SOSPETTATA DI ESSERE RESPONSABILE ANCHE DI ALTRI INCENDI VERIFICATISI ALL’INIZIO DEL MESE.

Al termine di una frenetica attività d’indagine, scattata a seguito di alcuni incendi dolosi appiccati all’inizio del mese e che avevano destato particolare apprensione, i Carabinieri della Stazione di Santa Marinella, con la collaborazione della sezione della Protezione Civile “Pro Pirgy” di Santa Marinella, hanno arrestato una donna del posto, di 48 anni, volontaria della Protezione Civile, sorpresa mentre stava appiccando le fiamme ad una porzione di macchia mediterranea demaniale ubicata tra via delle Colonie e la zona “Belvedere”.

Nonostante il tempestivo intervento degli uomini dell’Arma, a fare le spese della immotivata azione della donna sono stati 2 ettari di vegetazione.

I Carabinieri della Stazione di Santa Marinella erano da tempo sulle tracce della piromane: una ventina di giorni fa, infatti, insoliti incendi si erano sviluppati nella zona. Tra questi i più preoccupanti sotto il profilo della potenziale pericolosità sono stati quello sprigionatosi nei pressi dell’Ufficio Anagrafe e quello segnalato poco distante dall’abitazione di un imprenditore della zona.

Nel corso delle indagini, i Carabinieri sono riusciti ad indirizzare la loro attenzione sulla donna. I numerosi elementi raccolti a suo carico, le testimonianze ed i servizi di osservazione e pedinamento svolti dagli uomini dell’Arma, con l’ausilio della sezione della Protezione Civile “Pro Pirgy” di Santa Marinella, hanno consentito di sorprendere la donna in flagranza di reato.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La 48enne, arrestata con l’accusa di incendio doloso aggravato, è stata portata nel carcere di Civitavecchia, dove rimarrà a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, muore in ospedale Massimo Santoro della storica gelateria “Bandiera Blu” di Colleferro

  • Jonathan Galindo fa paura anche a Frosinone: denuncia di un padre a “Le Iene”

  • Coronavirus, Frosinone è la provincia più contagiata del Lazio

  • Coronavirus in Ciociaria, record di tamponi e boom di casi: 63 in 29 Comuni. Positivi anche tre studenti e una maestra

  • Coronavirus a non finire: in Ciociaria ben 100 dei 795 casi del Lazio. D'Amato: 'Siamo a un livello arancione'

  • Cassino, commerciante beve acido muriatico e rischia di morire

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FrosinoneToday è in caricamento