Tivoli, sequestro preventivo di 3 immobili e di un’autovettura nei confronti dell’'impegata della asl rm/5

Arrestata ad ottobre per aver sottratto illecitamente dalle casse dell’azienda sanitaria rm/5 circa 300.000 euro.

Arrestata ad ottobre per aver sottratto illecitamente dalle casse dell’azienda sanitaria rm/5 circa 300.000 euro.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

I Carabinieri della Stazione di Tivoli coordinati dal locale Comando Compagnia e sotto la direzione della locale Procura della Repubblica, hanno dato esecuzione al decreto di sequestro preventivo di beni del valore fino ad Euro 311.000 emesso dal Giudice per le indagini preliminari di Tivoli nei confronti dell'impiegata della ASL Roma 5 di Tivoli, già arrestata in applicazione dell’ordinanza di custodia cautelare emessa nei suoi confronti nello scorso mese di ottobre. La Procura della Repubblica ha dato attuazione alla norma che prevede il recupero delle somme sottratte all’Ente pubblico attraverso il sequestro di beni nella disponibilità dell’indagato. Sono stati sequestrati, allo stato, 3 immobili e un'autovettura Renault Kadjar. I Sequestri sono stati tutti eseguiti nel comune di Subiaco ove la donna era residente. Proseguono le indagini per l’individuazione degli ulteriori beneficiari dei reati commessi dalla donna attraverso 89 falsi mandati di pagamento che disponeva indebitamente.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Jonathan Galindo fa paura anche a Frosinone: denuncia di un padre a “Le Iene”

  • Coronavirus, Frosinone è la provincia più contagiata del Lazio

  • Coronavirus in Ciociaria, record di tamponi e boom di casi: 63 in 29 Comuni. Positivi anche tre studenti e una maestra

  • Coronavirus a non finire: in Ciociaria ben 100 dei 795 casi del Lazio. D'Amato: 'Siamo a un livello arancione'

  • Cassino, commerciante beve acido muriatico e rischia di morire

  • Cassino, due quindicenni pestati a sangue dai bulli per gelosia

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FrosinoneToday è in caricamento