Vico nel Lazio, quattordicenne violentata nel bosco dall'amico del padre, giudizio immediato per un 49enne

I fatti risalgono al settembre scorso quando la ragazzina che si era fatta accompagnare dell'uomo era stata stuprata in un bosco. A far scattare la denuncia i genitori non appena la minorenne aveva raccontato loro quello che le era accaduto

Violenza sessuale su una minore

Violentata dal padre della sua migliore amica. Giudizio immediato per un 49enne  residente a Vico nel Lazio.   La prima udienza è stata fissata  per il prossimo primo marzo.
La storia risale al settembre scorso, quando la ragazzina di 14 anni, si era fatta accompagnare dall'uomo  nella sua abitazione  dove ad attenderla c'era la sua amichetta del cuore.

Stuprata in un  bosco

Quest'ultima, va detto, era la figlia dell'amico di famiglia.  Ma  nel tragitto per arrivare a casa  l'uomo  dopo essersi fermato in una strada isolata aveva stuprato la ragazzina.  La violenza sessuale era durata pià di quaranta minuti. La storia dell'abuso era emersa qualche giorno dopo quando la ragazzina, dopo aver preso coraggio,  aveva raccontato ai genitori di quella sera, dove il padre della sua migliore amica  si era fermato in quella zona deserta e l'aveva violentata. I genitori, rappresentati dagli avvocati Giampiero Vellucci e  Riccardo Masecchia avevano fatto scattare la denuncia.

Ad incastrare l'uomo il liquido seminale rinvenuto sui pantaloni della minorenne

 carabinieri della compagnia di Alatri agli ordini del maggiore Agirò  avevano immediatamente avviato le indagini. La prova regina era  venuta fuori tramite il  liquido seminale rinvenuto sui pantaloni della ragazzina.  Il Dna infatti combaciava perfettamente con il suo profilo genetico.
A seguito di tali fatti era scattato l'arresto.   Il prossimo primo marzo l'uomo, difeso dall'avvocato Carla Parmegiani dovrà comparire nella prima udienza. 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Auto di lusso importate dall'estero, truffati politici e calciatori di caratura nazionale. 9 arresti in Ciociaria

  • Tre quintali di carne, pesce e salumi sequestrati al mercato. Ambulanti ciociari si scagliano contro i vigili urbani

  • Ecco il primo Burger King a Frosinone, apertura entro fine novembre

  • Omicidio Morganti, concessi i domiciliari a Paolo Palmisani. Tornerà a casa con il bracciale elettronico

  • Sora, poliziotti presi a pugni e feriti durante un posto di blocco

  • Dopo 36 anni, niente rinnovo del passaporto per una multa da 50 mila lire

Torna su
FrosinoneToday è in caricamento