rotate-mobile
"Primarie per la città"

Elezioni 2022, primarie del centrodestra: le proposte dei cinque candidati per il welfare

Cestra: “Risposta tempestiva ai bisogni del territorio”. Mastrangeli: “Valori per ripresa e promozione della persona”. Ramunto: “Sostegni speciali alle famiglie”. Sirizzotti: “Una rete di servizi”. Testa: “A cuore giovani e anziani”

Domenica 27 marzo si svolgeranno le primarie del centrodestra. L’aspirante sindaco unitario alle elezioni amministrative 2022 verrà selezionato, in ordine alfabetico, tra l’ingegnere Maria Grazia Cestra, l’assessore uscente Riccardo Mastrangeli, il docente Raffaele Ramunto, l’avvocato Sonia Sirizzotti e l’assessora uscente Rossella Testa.

Il quintetto fa sapere che si sta confrontando quotidianamente con cittadini, simpatizzanti e associazioni per recepire proposte e suggerimenti per dare continuità all’attività della doppia amministrazione del sindaco uscente Nicola Ottaviani. Di particolare interesse, il dibattito sul welfare, “un settore delicatissimo - sottolineano all’unisono - su cui l’amministrazione Ottaviani, negli ultimi anni, ha investito notevolmente”.

Le operazioni di voto si svolgeranno dalle 8 alle 21 presso le 4 sezioni della nuova sede comunale (Palazzo Munari), di Piazza VI Dicembre, della Delegazione Madonna della Neve e della Delegazione Scalo. Previsto anche un seggio mobile.

Welfare: le proposte dei cinque candidati alle primarie

“La mia visione di città del futuro comprende un modello di welfare che affermi le capacità e i diritti di ogni cittadino. La Pubblica Amministrazione, in questo modello, ricopre il ruolo di interlocutore attento, pronto a dare una risposta tempestiva ai bisogni del territorio che rappresenta, con particolare riguardo alle fasce più svantaggiate", dichiara Maria Grazia Cestra.

“Nessuno deve rimanere indietro: questa è la volontà che ha guidato le azioni dell’amministrazione negli ultimi 10 anni, attraverso, anche, le ingenti risorse che il Comune ha investito nel settore. È necessario proseguire su questa direttrice, continuando a incarnare una visione più giusta, equa, solidale della società, basata sui valori che favoriscano non solo la ripresa economica, ma anche la promozione del bene integrale, morale e materiale della persona”, commenta Riccardo Mastrangeli.

“Gli ultimi eventi avvenuti a livello planetario ci dimostrano che la strada da percorrere è quella di rafforzare il valore della solidarietà. Il Comune dovrà continuare a essere in prima linea per sostenere quanti si trovino in condizioni di difficoltà, dando uno speciale sostegno alle famiglie”, ritiene Raffaele Ramunto.

“Immagino un ulteriore implementazione di questo settore, con la creazione di una rete di servizi. Ciascuno deve sentirsi partecipe della vita della città, concorrendo così alla sua crescita con idee, competenze, progetti”, dice Sonia Sirizzotti.

“Gli amministratori di domani dovranno continuare ad avere a cuore le nuove generazioni, interpretando e dando voce ai loro bisogni. È fondamentale, anche, valorizzare il ruolo dei nostri anziani. Il Progetto Solidiamo, del resto, nei 10 anni della sua istituzione, ha sostenuto il merito dei giovani e finanziato attività culturali a favore degli anziani, unendo le nostre radici al futuro della nostra comunità”, così Rossella Testa.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Elezioni 2022, primarie del centrodestra: le proposte dei cinque candidati per il welfare

FrosinoneToday è in caricamento