Venerdì, 30 Luglio 2021
Sport

BioSì Indexa Sora, domani a Verona il match contro la Calzedonia

Un ciclo intenso di gare per la squadra volsca tre turni in una settimana, due casalinghi e uno in trasferta

Partita la BioSì Indexa Sora alla volta di Verona dove domani sera alle ore 20:30 all’AGSM Forum l’aspetta la Calzedonia. Questa mattina, subito dopo colazione e con solo una seduta pesi e un allenamento nelle gambe e nella testa, i coach Barbiero e Colucci sono saltati sul pullman che gli farà attraversare quasi tutta l’Italia per portarli, assieme ai loro ragazzi, verso l’ottava giornata del girone di ritorno.

Tre turni in una settimana per Sora

La gara della scorsa domenica contro i cucinieri della Lube ha aperto un altro ciclo intenso che in calendario vede programmati tre turni in una settimana con Sora chiamata alla competizione ufficiale due volte tra le mura amiche e una in trasferta infrasettimanale, quella appunto di domani sera che precederà l’appuntamento della prossima domenica 11 febbraio quando al PalaGlobo “Luca Polsinelli” arriverà la Revivre Milano.

La Calzedonia

La Calzedonia in classifica è la prima squadra a ridosso delle big con due delle quali, Modena e Trento, ha avuto già modo di scontrarsi direttamente nel girone di ritorno, e arrendersi al loro gioco. Il tie break perso a Ravenna nell’ultima gara di campionato, con un solo punto guadagnato le ha permesso di riprendersi il quarto posto della classe a pari merito con la Diatec che nella stessa giornata ha affrontato Perugia trovando un grande ostacolo. Il quinto set perso in casa della Bunge allunga la striscia di sconfitte dei gialloblu che fuori casa non vincono più da tre turni e in generale non lo hanno fatto negli ultimi tre turni. Trionfa invece negli ottavi di finale di Coppa CEV, competizione nella quale supera il turno vincendo 3-0 la gara di ritorno disputata nel suo palazzo contro la squadra ceca del Dukla Liberec con la quale all’andata era riuscita a portare a casa un solo set. Si aggiudica così un posto nei quarti di finale di Coppa CEV dove affronterà i francesi del Montpelliers. 

Il commento di capitan Mattia Rosso

“Verona è quarta in classifica – analizza il capitano Mattia Rosso -, e potrebbe bastare questo per preannunciare un'altra trasferta difficile. Non è ancora al livello delle quattro big per eccellenza del nostro campionato però di fatto le sta immediatamente dietro e questo più di qualcosa, in quanto a difficoltà e loro capacità, vorrà dire. Rispetto al precedente incontro nel girone d’andata qualche assetto è cambiato: hanno recuperato Birarelli e giocano con una novità in campo, Manavinezhad un ragazzo iraniano giovane e poco conosciuto che permette a mister Grbic di sostituire Maar. Con questi nuovi forti elementi in campo sarà sicuramente una partita dura, ma noi andiamo a Verona soprattutto per ritrovare quei meccanismi che abbiamo perso durante la sosta. Non abbiamo tanto da perdere mentre loro avranno bisogno di fare risultato quindi se scendiamo in campo sin dall'inizio carichi agonisticamente ed attaccati alla partita, senza strafare, potrebbe venire fuori un match equilibrato”.

Questo vuole da se stesso e chiede ai suoi compagni l’esperto Mattia Rosso, ritrovare immediatamente i meccanismi che li hanno contraddistinti con Perugia in quanto servono assolutamente per affrontare la parte finale di regular season.

Continua Rosso

“Civitanova è venuta a Sora – continua lo schiacciatore -, facendo una buonissima partita come pochi si aspettavano in quanto si era un po' diffuso il pensiero che fossero stanchi o con la testa da un'altra parte dati i numerosi impegni. Devo dire però che hanno affrontato la gara veramente come una grande squadra, mettendoci sotto fin dall'inizio tanto per mettere da subito le cose in chiaro le cose. Grande merito a loro dunque, mentre noi abbiamo fatto una partita meno buona rispetto alle ultime uscite. La sosta ci ha fatto un po' male perché abbiamo perso quel buon ritmo gara che avevamo acquisito, perdendo di conseguenza un pochettino di smalto. Ovviamente poi, aggiungendo che abbiamo incontrato Civitanova, è venuta fuori una partita non molto bella, ma nessuno di certo si aspettava di poter vincere. Sapevamo che era una partita difficile ma potevamo sicuramente fare molto meglio e sono certo che così sarebbe stato se l'avessimo incontrata prima della sosta. Comunque alla fine questa gara ci ha rimesso in moto e scaldato per affrontare qualche avversario più abbordabile”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

BioSì Indexa Sora, domani a Verona il match contro la Calzedonia

FrosinoneToday è in caricamento