Domenica, 25 Luglio 2021
Sport

Il Tenente Colonnello Giuseppe Campoccio pronto per gli Invictus Game di Toronto

L'atleta cassinate di adozione gareggerà nel getto del peso, lancio del disco e nel rugby in carrozzina

E’ pronto a partire per il Canada in occasione degli Invictus Game di Toronto previsti dal 23 al 30 settembre il Tenente Colonnello Giuseppe Campoccio, già medaglia di bronzo a Londra nei Mondiali paralimpici di Londra  nel getto del peso, nello scorso luglio.

La sua storia

Giuseppe Campoccio appartiene al Gruppo Sportivo Paralimpico di Difesa in qualità di atleta nelle discipline del getto del peso, del disco e nel lancio del giavellotto. Nativo di San Candido in provincia di Bolzano si è trasferito in Ciociaria ed è ormai cassinate di adozione, in seguito ad un grave incidente occorsogli durante un’esercitazione, è stato posto in congedo per causa di servizio e, successivamente, gli è stata riconosciuta dal Ministero della Difesa, la medaglia di ferito in servizio ed il Ruolo d’Onore. Nell’agosto 2015, a causa di un’infezione ossea, ha riportato una cerebro lesione che ha compromesso la funzionalità del braccio e della gamba sinistra impedendogli di deambulare e costringendolo sulla sedia a rotelle.

Joe Black

Un uomo, un soldato ed uno sportivo di eccezione, che ama la vita soprattutto e nonostante vista la sua disabilità. Tanto che il suo soprannome è diventato Joe Black. Una metafora di eccezionale significato con il film “Vi presento Joe Black” in cui la Morte arriva pronta a portare con sé uno dei protagonista maschile, interpretato da Antony Hopkins, ma si innamora della figlia di lui, Susan. Inizia così una grande storia d’amore. Come la Morte conosce il vero amore nel film, così Giuseppe scopre nella sua situazione di disabilità la spinta per amare ancora di più la vita, in ogni suo aspetto.

Invictus Game

Gli Invictus Game sono l’emblema di questa visione. Voluti fortemente dal principe inglese Harry nel 2014 i giochi internazionali per i veterani di guerra fanno sì che gli atleti delle forze armate, feriti o disabili, possano confrontarsi nelle discipline sportive più disparate dall’atletica leggera, come il nostro Campoccio, al basket, al rugby in carrozzina o nel nuoto. Parteciperanno a questa edizione di Toronto  17 nazioni e 550 atleti.

Da sottolineare che  il significato di ‘invictus’ non è invincibile, ma mai vinto, mai sconfitto. Questo è il messaggio che deve arrivare. E va ribadito che l’Italia è l’unico Stato che permette ai soldati disabili di continuare a ricoprire il loro iniziale all’interno delle forze armate, lo stesso che ricoprivano prima della loro disabilità. Negli altri stati invece il personale militare ferito o disabile viene escluso o reintegrato all’interno dell’apparato civile.

Campoccio era stato convocato già lo scorso anno per gli Invictus Game ma ha dovuto rinunciare per problemi di salute. Questa sarà la sua prima volta nella competizione mondiale e dopo una dura preparazione atletica sarà in gara nel getto del peso, lancio del disco e nel rugby in carrozzina

Anche se il suo obiettivo resta sicuramente Tokyo e le olimpiadi del 2020 gli Invictus sono un grande tassello per arrivare a meta.

Giuseppe Campoccio è molto attivo anche nel sociale, sempre in contatto con tutte le associazioni ciociare ed in prima linea per parlare di disabilità , per dimostrare che si può essere quello che si vuole, nonostante i limiti oggettivi, che si può diventare un grande sportivo ed un grande uomo, che gli ostacoli ci sono ma se si discrimina un disabile il vero ostacolo è nella testa di chi lo fa non certo nella persona che si ha di fronte.

Una storia di tenacia, di impegno, di coraggio e di fatica che rendono Giuseppe Campoccio, alias Joe Black, un atleta di spessore e una persona da ammirare e da seguire ora  a Toronto e poi agli Europei e alle Olimpiadi di Tokyo.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il Tenente Colonnello Giuseppe Campoccio pronto per gli Invictus Game di Toronto

FrosinoneToday è in caricamento