CassinateToday

Cassino, standing ovation per la banda Don Bosco

Il sindaco D’Alessandro: “Una grande risorsa da valorizzare per la città”. Un teatro romano gremito assiste alla edizione 2016 di c’era una volta il cinema

concerto ok 6 2016

Il sindaco D’Alessandro: “Una grande risorsa da valorizzare per la città”. Un teatro romano gremito assiste alla edizione 2016 di c’era una volta il cinema

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Un pubblico di mille e duecento persone ha tributato una standing ovation alla Banda don Bosco Città di Cassino, diretta dal M° Marcello Bruni. Nella spettacolare cornice del Teatro Romano, i 70 musicisti hanno regalato una quinta edizione da brivido del concerto “C’era una volta il cinema”. Un viaggio di due ore caratterizzato da musica e immagini. I magnifici musicisti hanno eseguito le più belle musiche della storia cinematografica. Con il concerto dello scorso 31 luglio, ormai data istituzionalizzata nell’ambito del cartellone artistico Cassinoarte, la Banda ha superato, con l’edizione 2016, le 50 colonne sonore eseguite. Il concerto, che in un certo qual modo ha voluto anche celebrare l’80° anniversario degli scavi ad opera di Gianfilippo Carettoni; scavi che restituirono alla città nel 1936 il gioiello il Teatro Romano, ha avuto inizio con l’omaggio al premio Oscar Ennio Morricone. Il programma è continuato con la finestra dedicata ai più piccoli con i film “La Bella e la Bestia” e “Alladin”. Successivamente c’è stato il tributo al gigante buono del cinema italiano Bud Spencer. Poi la banda ha proposto “La mia Africa” film del 1985 diretto da Sydney Pollack, “Grease” del 1978 e l’omaggio all’indimenticabile Alberto Sordi. Gran finale con il medley degli ABBA, i brani proposti sono stati tratti dalla tournée nel 1977 tenuta in Australia. Il sipario sul concerto è sceso con uno spettacolo di giochi pirotecnici. Doppia dose di soddisfazione invece per il sindaco Carlo Maria D’Alessandro che in qualità di primo cittadino e di genitore ha sottolineato: “Ho sempre assistito da genitore ai concerti della Banda Don Bosco Città di Cassino, ed è per questo che per la prima volta da sindaco della mia città è stato veramente emozionante essere presente al Teatro Romano come lo è stato giorni fa nel Chiostro del Bramante nella bellissima cornice dell'Abbazia di Montecassino; del resto i ragazzi come sempre sono stati spettacolari e la folta cornice di pubblico ne è una lampante dimostrazione. Il merito – ha continuato il sindaco D’Alessandro - è certamente del M° Marcello Bruni e di tutti i suoi collaboratori perchè sono una grande risorsa della nostra città e sono sicuro che la mia Amministrazione Comunale saprà dare loro la giusta valorizzazione anche per le rappresentazioni cittadine. Il valore aggiunto è quel senso di comunità vera che si respira durante le prove, i concerti, le uscite fuori città e, perchè no, anche le gite fuori porta. Un esempio da seguire, autentico come la passione che trasmettono con le loro esibizioni”. “Uno spettacolo eccelso” ha commentato una emozionata Nora Noury, assessore alla Cultura del Comune di Cassino, che per la prima volta ha partecipato ad un concerto della Banda don Bosco Città di Cassino. “Questi sono i ragazzi che piacciono a Papa Francesco” ha affermato il M° Marcello Bruni, il quale ha continuano: “Sono i ragazzi che lasciano un’impronta. Per tornare a riempire i teatri e ad appassionare la gente alla musica bisogna lavorare con amore dal basso iniziando dai ragazzi. Bisogna, però, farlo con professionalità e serietà dando loro i migliori insegnamenti. Solo in questo modo si possono appassionare i giovani e riportarli ad ascoltare i concerti nei teatri. Abbiamo fatto capire insieme che a dieci anni si può far musica seriamente e con qualità ma, soprattutto, sempre e solo con i nostri strumenti ci stiamo facendo strada in una città che non aveva mai avuto una realtà tale.

Sono sicuro – ha detto il direttore artistico rivolgendosi ai musicisti - che insieme ai vostri maestri stiamo seminando bene ma rimane fondamentale che voi tutti continuiate a starci vicini e a fare quello che gli altri non riusciranno a fare mai. Sono certo che ‘C'era una volta....il Cinema’ 2017 sarà ancora più bello!!!!”. Il sindaco D’Alessandro ha, poi, consegnato al M° Bruni una targa di CassinoArte e ringraziato sia il curatore delle immagini Francesco De Micco che il presidente dell’Associazione Don Bosco Francesco Bruni. “Un grazie particolare lo rivolgo – ha detto infine il M° Bruni – a don Fortunato Tamburrini, presente in rappresentanza del vescovo Gerardo Antonazzo – perché senza di lui non sarebbe stato possibile far nascere questa realtà”. La serata è stata condotta da Elena Pittiglio.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Da Colleferro alla serie tv "Doc - nelle tue mani", la storia di Massimo Ciccotti

  • Coronavirus, Frosinone è la provincia più contagiata del Lazio

  • Giovane militare ciociaro muore nel sonno, choc in caserma

  • Coronavirus, aggiornato l’elenco delle strutture ciociare che effettuano il ‘tampone rapido’ a 22 euro

  • Alatri, Giuseppe Mazza muore in un letto di ospedale. Era rimasto ferito in un incidente con la sua moto

  • Cassino, due quindicenni pestati a sangue dai bulli per gelosia

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FrosinoneToday è in caricamento