Nord CiociariaToday

Frosinone, attività di controllo sempre più stretta ad Anagni, Paliano, Acuto, Cassino

Proseguono incessanti le attività preventive e di controllo  disposte dal Comando Provinciale Carabinieri  di Frosinone,al  fine di concretizzare,  anche con l’approssimarsi delle Festività Natalizie,  sia un’adeguata azione di contrasto alle...

Proseguono incessanti le attività preventive e di controllo disposte dal Comando Provinciale Carabinieri di Frosinone,al fine di concretizzare, anche con l’approssimarsi delle Festività Natalizie, sia un’adeguata azione di contrasto alle attività delittuose che per garantire maggiori “standard” di sicurezza ai cittadini. Nello specifico, il personale dipendente dei Comandi Compagnia Carabinieri di Anagni e Cassino, nelle notti del 19 e 20 dicembre u.s., ha svolto mirati servizi per il controllo del territorio, tesi a prevenire i reati contro il patrimonio, il consumo e lo spaccio di sostanze stupefacenti nonché a prevenire le infrazioni al Codice della Strada, in particolare la “guida sotto l’effetto di sostanze alcoliche/psicotrope”, attraverso un massiccio controllo alla circolazione stradale, sulle principali arterie e snodi di comunicazione , in prossimità dei caselli autostradali dell'A1 di competenza e nelle adiacenze delle Stazioni Ferroviarie oltre che nei pressi di locali pubblici, maggiormente frequentati.

Tale attività preventiva, che ha visto l’impiego del personale delle Stazioni dipendenti e dei rispettivi Nuclei Operativi e Radiomobile, ha permesso di conseguire i sottonotati risultati:

  1. a) in Anagni, venivano deferiti in stato di libertà un 23enne ed un 21enne, entrambi domiciliati presso la Comunita’ Exodus di Cassino, poiché resisi responsabili del reato di “furto” perpetrato all’interno di un noto centro commerciale del luogo;

  1. b) sempre in Anagni, veniva deferita in stato di libertà, alla competente A.G., una 27enne, di origine romena e residente in Roma, poiché resasi responsabile del reato di furto ed inosservanza del provvedimento di rimpatrio con il foglio di via obbligatorio;

  1. c) in Paliano, venivano deferiti in stato di libertà, due persone, un 38enne ed un 39enne, entrambi del luogo, poiché resisi responsabili del reato di “furto” di legname;

  1. d) in Acuto, veniva deferita in stato di libertà un 38enne, del luogo , poiché resosi responsabile del reato di “furto di energia elettrica”. Lo stesso, dopo aver subito il distacco di energia elettrica presso la sua abitazione per morosità, approfittando delle circostanze di tempo e luogo, manometteva sigillo di chiusura;

Inoltre, nell’ambito dello stesso contesto operativo, nel territorio di competenza della Compagnia di Carabinieri di Anagni, venivano sottoposte a controllo numerose persone e, nei confronti di due di esse, tutte provenienti dall’hinterland Romano, ricorrendone i presupposti di legge, veniva avanzata la proposta per l’applicazione della misura di prevenzione del rimpatrio con foglio di via obbligatorio; gli stessi venivano sorpresi con fare sospetto e senza giustificati motivi nei pressi di una banca sita nel Centro Storco di Anagni; Venivano altresì elevate 10 contravvenzioni al CDS e sequestrate tre autovettura.

  1. e) in Cassino:

  • veniva deferito in stato di libertà, un 31enne partenopeo già gravato da analoghe vicende penali), poiché resosi responsabile dell’inosservanza al Foglio di Via obbligatorio a cui era sottoposto. Lo stesso, veniva sorpreso e controllato mentre si aggirava con fare sospetto, tra le autovetture parcate all’interno del parcheggio antistante l’ospedale Civile;

  • venivano inoltrate quattro proposte per l’irrogazione della misura di prevenzione del rimpatrio con F.V.O., nei confronti di altrettante persone (due partenopei e due residenti nel pontecorvese), già censiti per reati contro la persona, il patrimonio e detenzione di stupefacenti, poiché intercettati mentre si aggiravano nella notte, con fare sospetto e senza giustificati motivi nei pressi di abitazioni isolate e attività commerciali di Cassino.

  1. f) in San Vittore del Lazio, veniva deferito in stato di libertà , un 45enne di Afragola (NA), (già gravato da vicende penali per i reati di truffa) poiché resosi responsabile del reato di ricettazione, Il predetto, veniva intercettato mentre si aggirava con fare sospetto e senza giustificato motivo nel predetto centro e, sottoposto a perquisizione personale, veniva trovato in possesso di un assegno già compilato, successivamente risultato emesso da un noto istituto bancario e facente parte di un carnet di titoli in bianco, denunciati smarriti in data 01 agosto 2016 da un 27enne di Napoli. L’assegno veniva contestualmente sottoposto a sequestro mentre l’uomo, stante i presupposti di legge, veniva proposto anche l’irrogazione della misura di prevenzione del rimpatrio con F.V.O., con divieto di far ritorno in San Vittore del Lazio per un periodo di anni 3.

  1. g) In Villa Santa Lucia, venivano fermati e controllati tre cittadini di origine slava, tutti già gravati da vicende penali per reati contro il patrimonio e la persona mentre, in fascia oraria notturna ed a bordo di un furgone Ford Transit, si aggiravano, con fare sospetto e senza giustificati motivi, nei pressi di abitazioni isolate della frazione Piumarola di Villa Santa Lucia. Ricorrendo i presupposti di legge, veniva inoltrata nei loro confronti la proposta per l’irrogazione della misura di prevenzione del rimpatrio co F.V.O., con divieto di far ritorno nel predetto centro per anni tre;

  1. h) In Piedimonte San Germano, a seguito di un controllo, venivano proposte per l’irrogazione della misura di prevenzione del rimpatrio con F.V.O., due persone, già censite per reati contro la persona ed il patrimonio, residenti nel hinterland laziale, poiché si aggiravano tra le autovetture in sosta all’interno del parcheggio di un noto ipermercato del luogo, senza addurre valide giustificazioni circa la loro presenza in loco.
  2. Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
    Play
    Replay
    Play Replay Pausa
    Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
    Indietro di 10 secondi
    Avanti di 10 secondi
    Spot
    Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
    Skip
    Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
    Attendi solo un istante...
    Forse potrebbe interessarti...

Nel corso del medesimo servizio, inoltre, nella giurisdizione della Compagnia di Cassino, venivano controllate 68 persone e 59 veicoli, elevate 5 contravvenzioni al C.d.S. ed eseguite complessivamente 9 perquisizioni (personali, veicolari e locali).

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, muore in ospedale Massimo Santoro della storica gelateria “Bandiera Blu” di Colleferro

  • Jonathan Galindo fa paura anche a Frosinone: denuncia di un padre a “Le Iene”

  • Coronavirus, Frosinone è la provincia più contagiata del Lazio

  • Coronavirus in Ciociaria, record di tamponi e boom di casi: 63 in 29 Comuni. Positivi anche tre studenti e una maestra

  • Coronavirus a non finire: in Ciociaria ben 100 dei 795 casi del Lazio. D'Amato: 'Siamo a un livello arancione'

  • Cassino, commerciante beve acido muriatico e rischia di morire

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FrosinoneToday è in caricamento