Nord CiociariaToday

Fiuggi, il Prefetto Zarrilli visita la mostra personale di Antonio Fiore

“Grande emozione, forti sensazioni e gratitudine per i momenti esplosivi di empatia con il mondo”. Questa la sensazione ricevuta dal Prefetto di Frosinone Emilia Zarrilli dopo la visita alla mostra personale “ In viaggio con Ufagrà” del pittore...

Fiore Quadro personale

“Grande emozione, forti sensazioni e gratitudine per i momenti esplosivi di empatia con il mondo”. Questa la sensazione ricevuta dal Prefetto di Frosinone Emilia Zarrilli dopo la visita alla mostra personale “ In viaggio con Ufagrà” del pittore Segnino Antonio Fiore, presso il teatro comunale di Fiuggi.

Mosta che sta riscuotendo un grandissimo successo di critica e di visitatori, non meno di quaranta/cinquanta persone al giorno si accostano a vedere questa fantasia di colori su una pittura cosmica che bene si accostano anche in questo periodo lunare.

Il Sig. Prefetto, ricevuto dal Vice Prefetto Dott. Vetrano (residente a Fiuggi), dal Vice Sindaco Festa, dal Commissario di PS Dott. Vassalli, dall’ex funzionario comunale Fiorini, dal giornalista Pino Pelloni e dallo stesso maestro Antonio Fiore è rimasta di stucco di fronte a tutta questa esplosione di colori e si è più volte complimentata con il bravo artista.

L'incontro dell’altra sera è stato un momento di grande soddisfazione per l’artista Fiore che ha voluto regalare una stampa del quadro realizzato per i centocinquanta anni dell’unità d’Italia alla Prefettura, quale segno tangibile della cortese visita del Prefetto Zarrilli alla sua interessantissima mostra che resterà aperta fino a fine mese e che il giorno di Ferragosto vedrà la visita anche del Vescovo diocesano di Anagni-Alatri -Mons Lorenzo Loppa.

Una mostra veramente straordinaria composta da una cinquantina di quadri presentata nel catalogo edito dalla Cangemi Editore di Roma, dal Sindaco Fabrizio Martini e dal critico d’arte Giorgio Di Genova nella sua lunga ed articolata presentazione (ben otto pagine) oltre a presentare l’artista allievo del grande Sante Monachesi, spiega del perché il nome d’arte Ufagrà di Antonio Fiore, poiché ha saputo superare la “stesura piatta attraverso l’illusione della tridimensionalità. Fiore è riuscito ad arricchire il suo lessico Ufagrà per intrinseco approfondimento delle radici fumettistiche del suo linguaggio saldato a soluzioni da cartoon”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Giancarlo Flavi

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Da Colleferro alla serie tv "Doc - nelle tue mani", la storia di Massimo Ciccotti

  • Coronavirus, muore il costruttore Gabriele Cellupica: Sora sotto choc

  • Giovane militare ciociaro muore nel sonno, choc in caserma

  • Picinisco, accoltellato un operaio mentre lavorava nel cantiere per il ripristino della frana

  • Alatri, Giuseppe Mazza muore in un letto di ospedale. Era rimasto ferito in un incidente con la sua moto

  • Coronavirus in Ciociaria, tamponi rapidi a 22 euro: autorizzati per ora 16 laboratori privati

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FrosinoneToday è in caricamento