menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Paliano, olio di alta qualità al Frantoio Le Mole con le nuove modifiche. L’assemblea approva il bilancio 2015

Forte del marchio Natura in Campo appena ricevuto dalla Regione Lazio i soci della Cooperativa Palianese del Frantoio Le Mole, si sono riuniti in assemblea per l’approvazione del bilancio consuntivo al 30 Giugno 2015. Approvazione all'unanimità...

Forte del marchio Natura in Campo appena ricevuto dalla Regione Lazio i soci della Cooperativa Palianese del Frantoio Le Mole, si sono riuniti in assemblea per l'approvazione del bilancio consuntivo al 30 Giugno 2015. Approvazione all'unanimità dei presenti.

"In considerazione della disastrosa situazione della raccolta delle olive dello scorso anno che praticamente è stata pari a zero nel 2014, il Frantoio Le Mole ha comunque retto la botta, perché è andato sotto solamente di circa 15.000 euro, nonostante questo - ha aggiunto il Presidente Pietro Celletti- sono state fatte modifiche al frantoio per far uscire un olio migliore. Ossia si lavora a due fasi: da una parte la sansa e l'acqua mastra ( che poi vengono bruciate per produrre calore e quindi energia) dall'altra l'olio più raffinato". Il presidente Celletti, inoltre, ha invitato i soci a raccogliere subito le olive, vista la particolare stagione climatica che ha costretto ad aprire il frantoio il 28 settembre scorso ed in piena giornata di moliture si è svolta questa assemblea che ha approvato il Bilancio 2015 all'unanimità dei presenti, ed alla presenza del Direttore del Lazio della Coltivatori Diretti Aldo Mattia, e del presidente provinciale Vinicio Savo.

Dopo l'approvazione del bilancio, è intervenuto il direttore Mattia che vorrebbe riprendere il discorso del DOP. "Io vedo che le aziende ciociare che producono Olio - ha affermato il direttore Mattia- prendono premi ovunque si presentano nei vari concorsi indetti e non capisco perché la provincia di Frosinone non ha ancora una Dop per l'olio. Ed ha promesso che ha dicembre riaprirà questa importante partita per la ciociaria. Dal 1 dicembre riprenderemo come Coldiretti Frosinone e Lazio il discorso per avere "l' OLIO EXTRA VERGINE DELLA CIOCIARIA" DOP, perché la qualità è alla base di tutto. Poi parlando del Frantoio le Mole, che sta sempre più al passo dei tempi, ha detto che l'impianto è sempre pronto ad aggredire il mercato, con più qualità, grazie al conferimento dei circa 2.000 soci". Poi Mattia ha fatto un pò di amarcord , quanto ha affermato che a Paliano "torna molto volentieri, perché qui ai tempi della Democrazia Cristina, ( 28 anni fa - sindaco Alveti) sono stato Consigliere Comunale di minoranza".

Poi ha parlato Alberto Savone (Unaprol) che ha ricordato che la pratica del DOP è già partita da tempo ma è ferma al ministero, e si è domandato il perché ancora la ciociaria non ha una Dop, che consente di avere un preciso disciplinare, anche se in questa zona e nei paesi vicini della provincia di Roma il cultivar rosciola, che produce una qualità raffinata di olio caratterizza la zona. Ha ricordato anche che le olive, quest'anno, vanno raccolte presto per dare più qualità all'olio e che la cooperativa palianese, si sta bene attrezzando per venire incontro ai propri soci, con materiali e corsi, come è stato fatto quest'anno. Buon Olio a tutti

Per quanto riguarda ancora la Cooperativa Olearia Palianese le prenotazioni ha fissato a 10 euro netti, comprensivi di iva a quintale, il prezzo della molitura a freddo. Il tutto si è concluso con l'agape fraterna, per degustare il nuovo olio appena uscito.

Giancarlo Flavi

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Attualità

    Il mistero del lago di Canterno o "lago fantasma"

  • Eventi

    Ciaspolando a Punta della Valle

  • Eventi

    Un Brindisi al 2021 da Pizzo Deta

Torna su

Canali

FrosinoneToday è in caricamento