Nord CiociariaToday

Provincia, Quadrini: “Cgil, Cisl e Uil, insieme a Confindustria hanno firmato un accordo che nuocerà gravemente ai lavoratori italiani”

“Ancora un accordo tra Cgil, Cisl, Uil e Confindustria che va contro i lavoratori di questo Paese”. Gianluca Quadrini, consigliere provinciale di Forza Italia, è il primo politico in provincia di Frosinone ad attaccare la proposta che, avanzata...

quadrini-gianluca

“Ancora un accordo tra Cgil, Cisl, Uil e Confindustria che va contro i lavoratori di questo Paese”. Gianluca Quadrini, consigliere provinciale di Forza Italia, è il primo politico in provincia di Frosinone ad attaccare la proposta che, avanzata nei giorni scorsi da parte dei maggiori sindacati italiani e dall’associazione degli imprenditori, il governo dovrebbe tramutare in norme legislative.

Boccia, Camusso, Furlan e Barbagallo” - afferma Quadrini - “presentano il loro piano come se fosse un approccio innovativo alla gestione delle crisi e delle ristrutturazioni aziendali sottolineando la messa in atto di politiche attive per il lavoro. Ma in realtà, se si legge il testo dell’accordo, ci si rende subito conto che di innovativo non c’è proprio nulla. Non c’è traccia di politiche di investimento, né di innovazioni tecnologiche e nemmeno di piani di sviluppo per il risanamento dell’economia nazionale”.

Quello che è evidente, invece, è che Cgil, Cisl, Uil e Confindustria si candidano a gestire esuberi e licenziati senza tenere conto delle lotte e le vertenze i lavoratori insistono a condurre per difendere occupazione e stipendi. “Se il Jobs Act introdotto dal governo Renzi” - accusa Quadrini -“ha rappresentato la liberalizzazione dei licenziamenti individuali, quello appena sottoscritto liberalizza purtroppo quelli collettivi”. Inoltre, sindacati e Confindustria hanno condiviso con il governo la scelta di cancellare la mobilità - da gennaio - e di ridurre complessivamente il sistema di protezione rappresentato dagli ammortizzatori. Tutto ciò ha prodotto una demolizione progressiva del sistema sociale italiano in quanto si va ad addossare i costi delle ristrutturazioni aziendali a lavoratori e imprese, sgravando da qualsiasi responsabilità e onere le casse dello Stato.

“Se questo accordo dovesse essere tramutato in legge” - afferma Quadrini - “rischia di sparire ogni tipo di protezione contro i facili licenziamenti. Un altro duro colpo per i lavoratori italiani che si trovano già a dover difendere, tutti i giorni, occupazione e salari, visti i postumi di una crisi economica che non accennano a scomparire considerando che il governo non è riuscito a mettere in atto interventi mirati e davvero efficaci”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Jonathan Galindo fa paura anche a Frosinone: denuncia di un padre a “Le Iene”

  • Coronavirus, Frosinone è la provincia più contagiata del Lazio

  • Coronavirus in Ciociaria, record di tamponi e boom di casi: 63 in 29 Comuni. Positivi anche tre studenti e una maestra

  • Cassino, due quindicenni pestati a sangue dai bulli per gelosia

  • Coronavirus a non finire: in Ciociaria ben 100 dei 795 casi del Lazio. D'Amato: 'Siamo a un livello arancione'

  • Coronavirus, aggiornato l’elenco delle strutture ciociare che effettuano il ‘tampone rapido’ a 22 euro

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FrosinoneToday è in caricamento