SoranoToday

Frosinone, vertenza ILVA, la provincia sottoscrive il documento dei sindaci per chiedere l’intervento del MISE e sbloccare il passaggio di proprietà dell’azienda

La Provincia di Frosinone condivide il documento dei Sindaci sulla vertenza riguardante l'Ilva di Patrica e provvederà lei stessa a trasmetterlo al Ministero dello Sviluppo Economico. In questo modo, vogliamo dare più forza alla richiesta, della...

Intervento Caligiore ILVA Patrica 1

La Provincia di Frosinone condivide il documento dei Sindaci sulla vertenza riguardante l'Ilva di Patrica e provvederà lei stessa a trasmetterlo al Ministero dello Sviluppo Economico. In questo modo, vogliamo dare più forza alla richiesta, della quale investiremo direttamente il Governo e i nostri rappresentanti politici presenti nelle istituzioni nazionali. Si tratta di una questione che il Ministro Guidi già conosce e che va necessariamente affrontata in tempi più celeri rispetto a quanto si sta facendo.

A dichiararlo il Presidente della Provincia di Frosinone Antonio Pompeo, impossibilitato a partecipare alla manifestazione organizzata nella giornata di oggi dalla Fim-Cisl, insieme a tutti i lavoratori e alle loro famiglie, davanti al piazzale antistante lo stabilimento Ilva di Patrica. Per la Provincia era presente il consigliere Danilo Magliocchetti

Il documento sollecita un intervento risolutivo verso la richiesta di acquisto presentata dal fondo Arianna Sim Spa alla società Ilva spa, finalizzato a rilevare il sito e a rilanciarne la produzione e l’occupazione.

“Non possiamo perdere ulteriori occasioni – ha aggiunto il Presidente Pompeo - viste le tante crisi aziendali che il nostro territorio soffre. In questo caso esiste una soluzione, con un acquirente che rileverebbe il sito e ne garantirebbe il rilancio produttivo e la salvaguardia dei livelli occupazionali. Questa opportunità va concretizzata subito. E per questo è necessario che il Ministero dello Sviluppo economico fissi al più presto un incontro. Il documento dei sindaci va proprio in questa direzione. Da sindaco e da presidente della Provincia non posso che condividerlo e sostenerlo”.

“Oltre all’Ilva – ha concluso Pompeo – sono purtroppo diverse le emergenze lavorative in provincia di Frosinone che meritano la stessa attenzione. A stretto giro riconvocheremo il Tavolo istituzionale che abbiamo aperto con il Comitato Vertenza Frusinate per fare il punto della situazione, insieme con le parti sociali”.

“E’ importante coinvolgere l’intero territorio sulla vertenza – ha dichiarato il sindaco di Patrica Lucio Fiordalisio – per questo i sindaci, che rappresentano i livelli istituzionali prossimi alle esigenze e alle problematiche dei cittadini, in questo caso dei cittadini lavoratori, hanno deciso di promuovere questo documento. Non si può più perdere tempo rispetto ad una riunione presso il Mise per determinare le condizioni dei lavoratori e definire le modalità di acquisto del sito. Ringrazio, a nome dei colleghi, il Presidente della Provincia per la disponibilità e auspico che anche altri sindaci sottoscrivano la nostra richiesta”.

"Nel confronto intercorso, successivo alla manifestazione di questa mattina, - ha dichiarato il Segretario della FIM CISL di Frosinone Fabio Bernardini –abbiamo condiviso e concordato quanto promosso dal Presidente e dalle Istituzioni presenti che l'intervento prioritario è l'invio del documento di convocazione presso il MISE. Abbiamo ulteriormente condiviso e accolto con favore l'invito e il coinvolgimento delle parti sociali al Tavolo Istituzionale aperto insieme al Comitato Vertenza Frusinate. Sono certo che tutti noi oggi presenti ci impegneremo ancora con più determinazione per ottenere quanto giustamente pretendiamo. Ribadisco che solo uniti, così come lo siamo stati oggi nel piazzale antistante l'ILVA, possiamo riuscire a vincere questa e le altre sfide che dovremo affrontare!"

BUSCHINI: “RINNOVO LA MIA SOLIDARIETÀ AI LAVORATORI DELL’ILVA, SONO IN COSTANTE CONTATTO CON L’ASSESSORE VALENTE AFFINCHÉ SI GIUNGA PRESTO AD UNA CONCLUSIONE”

Ai lavoratori dell’Ilva di Patrica, ormai da mesi in mobilità, rinnovo la mia solidarietà. Continuiamo a lavorare affinché l’interesse di acquisto da parte di un fondo finanziario che gli amministratori dell’Ilva stanno valutando, si concretizzi per riprendere le produzioni e reintegrare al più presto i lavoratori. Sono in costante contatto con l’Assessore regionale al Lavoro che quotidianamente interloquisce con il Ministero per lo sviluppo economico, titolare della vertenza, affinché si giunga al più presto ad una conclusione”. Lo dichiara in una nota il consigliere regionale Mauro Buschini.

“L’obiettivo – continua Buschini – è la reindustrializzazione del sito patricano e la Regione sta mettendo in campo diversi strumenti finanziari per la tutela dei posti di lavoro. Non posso che accogliere positivamente l’iniziativa dei sindaci di Patrica, Amaseno, Giuliano di Roma, Supino, Ceccano e Monte San Giovanni Campano, i quali hanno sottoscritto un documento a sostegno della lotta dei lavoratori. E’, infatti, con l’unità del territorio, dei sindacati, delle Istituzioni, che si possono ottenere risultati contrastando la devastante crisi economica ed occupazionale della nostra provincia”.

NON PASSERELLE, MA AZIONI IMPORTANTI! QUESTO LO SPRONE DI CALIGIORE PER L’ILVA DI PATRICA

“Non sono venuto ad esprimere una solidarietà di facciata ai lavoratori dell’ILVA, né a fare passerelle. Con loro abbiamo il dovere di andare direttamente al Ministero dello Sviluppo economico!”. La proposta concreta del Sindaco, Roberto Caligiore, è stata accolta con un accorato applauso da tutti i presenti – tra cui molti operai ceccanesi - che hanno partecipato al sit-in organizzato davanti ai cancelli dello stabilimento di Patrica. Luogo in cui hanno avuto modo di incontrarsi diversi amministratori del territorio, numerosi lavoratori – provenienti anche delle aziende circostanti - e tantissime famiglie. “Se continuiamo legittimamente a manifestare solo a casa nostra – ha precisato il numero uno di Palazzo Antonelliripetiamo un percorso che, purtroppo in questa provincia, tutti i lavoratori hanno visto a loro spese come va a finire”. Per Caligiore“va invertita la tendenza, perché con i metodi adottati finora, qui non è stata salvata una sola azienda”, mentre è necessario ed indispensabile che “ci si assuma l’impegno di andare insieme a Roma, dove devono farci entrare per incontrare direttamente il Ministro, visto che a noi ed alle persone che sono qui interessa salvaguardare il lavoro”. Coralmente poi insieme ai Sindaci di Patrica e Supino, sono stati informati i presenti di un’istanza – sottoscritta anche dai primi cittadini di Giuliano di Roma, Monte San Giovanni Campano, Veroli ed Amaseno – che è stata preparata per sollecitare proprio il Ministero dello Sviluppo economico affinché in tempi rapidi sblocchi le proposte d’investimento che lasciano al momento intravedere qualche spiraglio di ottimismo. La spinta arrivata dagli Amministratori presenti – tra cui anche rappresentanti della Provincia e della Regione – ha accolto la piena condivisione delle maestranze attualmente in mobilità che, con grande senso di responsabilità, hanno assicurato lo svolgimento di questo sit-in le cui premesse possono davvero “invertire – come dice il primo cittadino di Ceccano – la tendenza, lanciando importanti segnali di fiducia”. Dalla manifestazione è venuto comunque fuori l’impegno a riunirsi già da lunedì prossimo presso la sede dell’Amministrazione provinciale di Frosinone, scelta come comodo luogo di incontro per iniziare a coordinare con la rapidità, che la situazione richiede, tutte le iniziative possibili per salvaguardare l’occupazione all’ILVA di Patrica.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Neve a Frosinone "quando nevicherà?" Cosa dicono le previsioni meteo

  • Giovane infermiera muore nel sonno, familiari e colleghi sotto choc

  • Neve in Ciociaria, a Frosinone ed altri comuni chiuse le scuole lunedì 18

  • Coronavirus, la Ciociaria ed il Lazio in zona arancione: indice Rt e ricoveri oltre la soglia. Cosa cambia

  • Tanta acqua e poco carburante nelle cisterne: denunciato titolare di un distributore (video)

  • Coronavirus in Ciociaria: il bollettino di giovedì 14 gennaio. Lazio ormai avviato alla zona arancione

Torna su
FrosinoneToday è in caricamento