Boccadamo dai gioielli alle mascherine, avviata la riconversione dell'azienda

Le mascherine sono realizzate artigianalmente con due strati di tessuto in cotone 100% ed uno interno di TNT in polipropilene, sono lavabili, riutilizzabili e rispondono alle indicazioni tecniche fornite dal Politecnico di Milano su materiali e stratificazioni

Tonino Boccadamo, l’imprenditore noto per la produzione di gioielli Made in Italy, non è rimasto indifferente alla grave emergenza sanitaria che sta interessando l’Italia. Dopo aver donato, nei giorni scorsi, attraverso la Fondazione Boccadamo, realtà senza scopo di lucro da egli stesso fondata, alcune migliaia di mascherine per uso chirurgico con consegna diretta presso i Pronto Soccorso degli ospedali della provincia di Frosinone e del Comando Provinciale dei Carabinieri, la sua azienda ha avviato un importante percorso di riconversione, per la realizzazione di mascherine di protezione facciale.

Considerando la crescente richiesta di tali supporti di protezione individuale, Tonino Boccadamo ha pensato anche alle esigenze della popolazione circolante, uomini e donne che continuano a lavorare per garantire i servizi essenziali all’intera popolazione, mettendo a disposizione il know-how artigianale della propria azienda per fornire un sostegno concreto alla nazione. Le mascherine, realizzate artigianalmente con due strati di tessuto in cotone 100% ed uno interno di TNT (tessuto non tessuto) in polipropilene, sono lavabili, riutilizzabili e rispondono alle indicazioni tecniche fornite dal Politecnico di Milano su materiali e stratificazioni, rivolte alle aziende in riconversione.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Oltre alla loro utilità, le mascherine Boccadamo riflettono la stessa filosofia del Made in Italy che da oltre quarant’anni l’azienda promuove in Italia e nel mondo. Vengono utilizzate, infatti, stoffe in cotone prodotte da aziende italiane, con trame e motivi diversi, ispirati alla migliore tradizione sartoriale del nostro Paese, aggiungendo una connotazione estetica che è propria della vocazione fashion dell’azienda stessa. La produzione, che avviene all’interno del quartier generale di Frosinone, è al momento di circa mille mascherine al giorno, con la previsione di moltiplicare la disponibilità entro la fine di Aprile.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Jonathan Galindo fa paura anche a Frosinone: denuncia di un padre a “Le Iene”

  • Coronavirus, Frosinone è la provincia più contagiata del Lazio

  • Coronavirus in Ciociaria, record di tamponi e boom di casi: 63 in 29 Comuni. Positivi anche tre studenti e una maestra

  • Coronavirus a non finire: in Ciociaria ben 100 dei 795 casi del Lazio. D'Amato: 'Siamo a un livello arancione'

  • Cassino, due quindicenni pestati a sangue dai bulli per gelosia

  • Cassino, commerciante beve acido muriatico e rischia di morire

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FrosinoneToday è in caricamento