Cassino, la chiesa Valdese 'dona' gli arredi alla casa-famiglia virtuosa

La cooperativa I Naviganti, con un progetto di sostegno, ha partecipato ad un bando e si è classificata al primo posto. Il danaro servirà ad arredare una nuova struttura di accoglienza per minori

L'amore per il prossimo. La consapevolezza di dover decidere della vita di bambini indifesi. Il coraggio di non mollare quando tutto sembra essere avverso. Questi i concetti vincenti della cooperativa I Naviganti di Cassino che da anni si occupa dell'accoglienza e il reintegro di minorenni dal passato difficile. Una miscela di elementi che hanno nidotto la Chiesa Valdese a finanziare un progetto della cooperativa I Naviganti di Cassino che potrà quindi arredare la casa famiglia riservata ai più piccini e da poco realizzata dalla squadra di Simona Di Mambro e Carmine Mernini. Il progetto è stato scelto tra tanti presentati da tutta Italia. Un attestato alla professionalità di un gruppo di operatori sociali che hanno dedicato la loro vita al bene dei meno fortunati.

Le iniziative

Perchè I naviganti, a Cassino e in provincia di Frosinone, sono sinonimo di assistenza, tutela, aiuto, integrazione, legalità. Basti pensare alle tante iniziative messe in campo in dieci anni di duro lavoro: il ristorante della legalità che offre lavoro a chi, una volta divenuto maggiorenne, è costretto a lasciare la casa-famiglia e come unica alternativa avrebbe la strada. La gestione di beni confiscati alla malavita organizzata con la realizzazione di cooperative agricole che danno lavoro a chi, dopo aver sbagliato nella vita, merita una seconda opportunità. La diffusione del concetto di legalità attraverso la messa in atto di lezioni nelle scuole e con la diffusione del progetto 'Facciamo un pacco alla camorra'. La sartoria sociale, aperta nel cuore di Cassino, è stata 'affidata' da un'altra cooperativa ed ora è attiva in Umbria dove continua ad offrire inserimento lavorativo ad ex detenute o mogli di detenuti.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L'evento

L'ultima iniziativa in ordine di tempo è in programma per venerdì 27 settembre alle ore 17 presso l'aula di Corte d'Assise del tribunale di Cassino. Qui in collaborazione con l'Ordine degli Avvocati e l'associazione antimafia 'Marino Fardelli', verrà presentato il libro-denuncia del giornalista Nello Trocchia: Casamonica. Un parterre d'eccezione che prevede la presenza oltre che dell'autore anche del comandante provinciale della Guardia di Finanza, il colonnello Alessandro Gallozzi, dell'avvocato penalista Sandro Salera e del presidente del Tribunale, Massimo Capurso e Giampiero Cioffredi, presidente dell'Osservatorio regionale Legalità e Sicurezza. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Jonathan Galindo fa paura anche a Frosinone: denuncia di un padre a “Le Iene”

  • Coronavirus, Frosinone è la provincia più contagiata del Lazio

  • Da Colleferro alla serie tv "Doc - nelle tue mani", la storia di Massimo Ciccotti

  • Coronavirus, aggiornato l’elenco delle strutture ciociare che effettuano il ‘tampone rapido’ a 22 euro

  • Cassino, due quindicenni pestati a sangue dai bulli per gelosia

  • Coronavirus a non finire: in Ciociaria ben 100 dei 795 casi del Lazio. D'Amato: 'Siamo a un livello arancione'

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FrosinoneToday è in caricamento