menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il Presidente del Consiglio Giuseppe Conte a Palazzo Chigi, Roma, 21 marzo 2020. ANSA_UFFICIO STAMPA PALAZZO CHIGI_FILIPPO ATTILI

Il Presidente del Consiglio Giuseppe Conte a Palazzo Chigi, Roma, 21 marzo 2020. ANSA_UFFICIO STAMPA PALAZZO CHIGI_FILIPPO ATTILI

Coronavirus: nuova stretta del Premier Conte, per ora fino al 3 aprile

Con il nuovo provvedimento ufficiale, ovviamente attesissimo anche in provincia di Frosinone, saranno chiuse tutte le attività produttive non necessarie in Italia

Nella tarda serata di sabato 21 marzo, come si legge sul sito di Today.it, il Premier Giuseppe Conte ha annunciato nuove misure per far fronte all'Emergenza Coronavirus, parlando al termine di una giornata drammatica con nuovi dati negativi su contagi e decessi. L'annuncio è arrivato in diretta sulla sua pagina Facebook e in tv, dopo che già alcune regioni avevano deciso di inasprire maggiormente i provvedimenti nei propri territori di competenza, come nel caso di Lombardia e Piemonte.

Coronavirus, nuova stretta di Conte: chiuse attività produttive non necessarie in tutta Italia

Chiusa ogni attività produttiva non "necessaria, cruciale, indispensabile a garantirci beni e servizi essenziali", ha annunciato Conte, specificando che resteranno aperti supermercati, negozi di generi alimentari e di prima necessità: "Non abbiamo previsto nessuna restrizione sui giorni di apertura dei supermercati: invito tutti a mantenere la massima calma, non c'è ragione di fare una corsa agli acquisti, non c'è ragione di creare code". Aperte anche farmacie, parafarmacie, "continueremo a garantire i servizi bancari, postali, assicurativi, finanziari, assicureremo tutti i servizi pubblici essenziali, ad esempio i trasporti, e le attività connesse a quelle essenziali. Al di fuori delle attività essenziali, consentiremo solo il lavoro in smart working e consentiremo solo le attività produttive ritenute comunque rilevanti per la produzione nazionale. Rallentiamo il motore produttivo del Paese, ma non lo fermiamo. È una decisione che si rende necessaria oggi per cercare di contenere l'emergenza", ha detto il premier.

“È la crisi più difficile che il Paese sta vivendo dal dopoguerra. La morte di tanti concittadini - ha affermato il premier - è un dolore che ogni giorno si rinnova. Questi decessi per noi, per i valori con cui siamo cresciuti, non sono semplici numeri, sono persone, sono famiglie che perdono gli affetti più cari".

Farmacie, tabacchi e supermercati resteranno aperti

"Sono misure severe, che richiedono tempo ma non abbiamo alternative - ha aggiunto il premier -. In questo momento dobbiamo resistere per tutelare le persone che amiamo. Il nostro sacrificio di rimanere a casa è minimo se paragonato a quello dei cittadini che rischiano molto di più. Penso ai medici, agli infermieri, alle forze armate e dell'ordine, ai farmacisti, agli autotrasportatori, ai cassieri dei supermercati e agli operatori dell'informazione. Donne e uomini che compiono ogni giorno un atto di grande responsabilità e amore nei confronti dell'Italia intera. Abbiamo deciso di chiudere nell'intero territorio nazionale ogni attività produttiva che non sia strettamente essenziale".

La nuova stretta annunciata dal premier Giuseppe Conte, con la chiusura di tutte le attività produttive non essenziali, per il momento è valida fino al 3 aprile.

Il provvedimento ufficiale vedrà la luce a breve. Resteranno aperte tutte le filiere ritenute essenziali, e quindi legate al settore alimentare, a quello farmaceutico e biomedicale e a quello dei trasporti. Chiudono quasi tutte le attività legate alla Pubblica Amministrazione: restano di fatto aperti gli esercizi legati a sanità, difesa e istruzione. Aperti edicole e tabaccai, oltre ai servizi d'informazione. Resterebbero attive l'industria delle bevande, le industrie alimentari, la filiera agro-alimentare e zootecnica, l'industria tessile solo legata strettamente agli indumenti di lavoro (escluso, quindi l'abbigliamento), e anche determinate attività legate all'idraulica, all'installazione di impianti elettrici, di riscaldamento o di condizionatori e la fabbricazione di forniture mediche.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Eventi

    Visita guidata all'Abbazia di Casamari

  • Eventi

    Le rovine di Porciano e il brigante Gasperone

  • Cultura

    Anagni, visite guidate in città

Torna su

Canali

FrosinoneToday è in caricamento