Ferentino, primi passi per la bonifica dei siti inquinati nell'area della Valle del Sacco

Convocata una riunione in Comune con i proprietari dei terreni

Messa in sicurezza, bonifica e recupero delle aree inquinate incluse nel perimetro del S.I.N. (Sito di Interesse Nazionale) del Bacino del fiume Sacco che ricadono in territorio di Ferentino: il prossimo 14 gennaio, alle ore 9.30, si terrà una riunione in Comune con i proprietari delle aree agricole ripariali.

Si tratta dei primi passi per procedere alla bonifica delle zone inquinate, che rientrano nel perimetro della Valle del Sacco e che interessano diversi comuni, tra cui anche quello di Ferentino. La Regione Lazio, a tal proposito, ha informato l'Ente di piazza Matteotti che tra gli interventi prioritari da effettuare c'è la caratterizzazione delle aree agricole ripariali del fiume Sacco, finalizzata a verificare l'eventuale permanenza di agenti inquinanti che ne comportarono l'interdizione nella fase di emergenza.

L'incontro a Colleferro

Ora, in collaborazione con Arpa, Istituto Superiore di Sanità, Servizio Sanitario Nazionale, Istituto Zooprofilattico Nazionale e Asl, la Regione Lazio procederà, nei prossimi mesi, a prelevare campioni di terreno e di prodotti vegetali in vari punti dell'area e chiede la collaborazione dei proprietari per effettuare agevolmente queste operazioni.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Si tratta – sottolinea il sindaco di Ferentino, Antonio Pompeo – di un primo e importantissimo passo verso la bonifica e la messa in sicurezza di un'area che, purtroppo, rappresenta l'esempio più drammatico di come l'inquinamento possa mettere in ginocchio un intero territorio, minare la salute della popolazione che lo abita, frenare lo sviluppo e la crescita economica, provocare un disastro ambientale di proporzioni spaventose. Ecco perché - conclude Pompeo - daremo tutto il nostro contributo, iniziando da questa riunione con i proprietari dei terreni, che saranno oggetto di verifica e prelievi, affinché il percorso sia il più rapido ed efficace possibile".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Le tolgono i figli, va in Comune e tenta di strangolare l'assistente sociale

  • Gratta un biglietto 'miliardario' e vince 500 mila euro

  • Tragico incidente nella notte, muore un 37 enne di Colleferro

  • Colpaccio della Polizia, imprenditore arrestato con un chilo di cocaina e una pistola

  • Dipendente comunale per dieci anni usufruisce della Legge 104 riservata agli invalidi ma era tutto falso

  • Coronavirus in Ciociaria, bollettino 29 giugno: altro caso positivo da accesso al pronto soccorso

Torna su
FrosinoneToday è in caricamento