Sabato, 25 Settembre 2021
Attualità

Pulizie nelle scuole, segnali positivi dal Miur

Importanti impegni da parte del ministero, tra questi l'avvio della procedura negoziale per la stipula di un contratto ponte fino ad agosto 2019 e la possibilità per i dirigenti scolastici di procedere ad affidamenti diretti

Comincia a delinearsi una prospettiva positiva per gli addetti alla pulizia nelle scuole del Lotto 5 delle province di Frosinone e Latina che da mesi stanno combattendo una battaglia per veder riconosciuti i propri diritti di lavoratori. Ieri si è svolto un ulteriore incontro al Miur relativo alle problematiche inerenti alle retribuzioni non corrisposte dalle aziende, componenti la RTI Ma.Ca. Servizi Generali, Smeraldo, da ormai 11 mesi. Durante l'incontro le OOSS hanno denunciato le gravi violazioni normative e contrattuali perpetrate dalle stesse aziende. 
 

Nel merito dei problemi discussi, il Ministero del Lavoro si è impegnato a svolgere azione di coordinamento tra gli Ispettorati del Lavoro territoriali delle province di Frosinone e Latina, per definire azioni e tempistiche univoche in merito all'accertamento dei crediti dei lavoratori al fine dell'ottenimento del pagamento in surroga da parte degli Istituti Scolastici.
Inoltre i due Ministeri si sono impegnati a convocare con urgenza una riunione tra le parti, alla presenza dell'Assessorato al Lavoro della Regione Lazio, per superare la problematica occupazionale dichiarata dalle aziende. 

Le azioni del Miur

Relativamente alla situazione determinatasi con la risoluzione della Convenzione Consip nel lotto 5 per le provincie di Latina e Frosinone ed al conseguente contenzioso istaurato dalla RTI, a fronte del permanere di una situazione di grave disagio dei lavoratori, secondo quanto riportano le OOSS, rispetto alle condotte delle aziende della RTl (Ma.ca, Servizi Generali e Smeraldo), il Miur procederà attivando le seguenti azioni: 

Contratto ponte

La tempestiva predisposizione della determina a contrarre per l'avvio di una procedura negoziale volta alla stipula di un contratto "ponte" che consenta alle istituzioni scolastiche l'acquisto dei servizi nel corso del prossimo anno scolastico per il lotto 5 fino a agosto 2019; 

Affidamenti diretti

nelle more del nuovo bando, si daranno indicazioni ai dirigenti scolastici relativamente alla possibilità di procedere con affidamenti diretti ad aziende che non siano state oggetto di risoluzione del contratto da parte di Consip, riproponendo quanto già indicato nelle circolari precedenti;

Sospensione dei pagamenti alle aziende

ulteriori precisazioni saranno fornite dal Miur ai Dirigenti Scolastici dando indicazione di procedere alla sospensione cautelativa del pagamento delle fatture emesse dalle aziende in presenza di esplicite e documentate dichiarazioni dei lavoratori di non aver percepito la retribuzione o di aver subito delle decurtazioni della medesima, nonché in ordine ai pagamenti in surroga per i quali i competenti Ispettorati del Lavoro abbiano già accertato i crediti dei lavoratori.

Il commento della deputata Enrica Segneri

“Si è aperta una fase di forte sinergia con il Ministero del lavoro, - ha commentato la deputata M5S Enrica Segneri che ieri ha partecipato al tavolo presso il Ministero dell’Istruzione insieme all’on. Luigi Gallo della Commissione Cultura e Raffaele Trano - a breve infatti un altro incontro si terrà proprio presso quest’ultimo. Si sono incardinate diverse strade che portano tutte verso un unico obiettivo, la tutela dei posti di lavoro e la garanzia del servizio di pulizia delle scuole.

A breve la nuova gara

Il Dirigente del Ministero dell’Istruzione attuerà tutte le azioni per predisporre un bando di gara che permetterà l’aggiudicazione del nuovo appalto fino a giugno 2019, termine in cui scadranno tutti gli appalti Consip in tutti gli altri lotti d’Italia. Nel frattempo si procederà per pochi mesi volti a garantire il servizio, con gli affidamenti diretti da parte delle scuole. Entrambe le azioni verranno coordinate, coinvolgendo l’ANAC (Autorità Nazionale Anticorruzione), in modo tale che ditte gravemente inadempienti e lesive nei confronti delle Istituzioni pubbliche e dei lavoratori come la Maca, non possano come si suol dire “uscire dalla porta e rientrare dalla finestra. Anche per questo motivo, si sta valutando la possibilità di portare avanti un’azione legale da parte del Ministero del lavoro contro la Maca, per gravissime inadempienze e irregolarità nei confronti dei lavoratori”.

La seconda tranche dei pagamenti 

 “Per quanto riguarda i mesi da gennaio a maggio 2018, si proseguirà con il pagamento in surroga dei lavoratori, confidando sempre nella massima collaborazione dei Dirigenti scolastici. Ad oggi sembra che in provincia di Frosinone siano solo quattro i Dirigenti delle scuole che non vogliono recepire le direttive del Ministero dell’Istruzione.  A breve inoltre avvieremo un tavolo politico di raccordo tra Ministero del Lavoro e MIUR, in cui affronteremo la questione sull’internalizzazione del servizio, una sfida a cui noi del MoVimento 5 Stelle non intendiamo rinunciare e che dobbiamo portare fermamente avanti.”

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Pulizie nelle scuole, segnali positivi dal Miur

FrosinoneToday è in caricamento