Riapertura dei cimiteri, il prefetto Portelli annulla le ordinanze dei sindaci ciociari

Consentite le cerimonie funebri con un massimo di 15 persone così come previsto dal Decreto del presidente del Consiglio del 26 aprile

"Sebbene si comprenda e si condivida il forte sentimento della pietas si deve ricordare che al momento nulla è mutato in materia". Il prefetto di Frosinone, Ignazio Portelli, scrive a tutti i sindaci della provincia di Frosinone, al questore e ai comandanti del Comando provinciale dei Carabinieri, Guardia di Finanza e Vigili del Fuoco. Oggetto della missiva inviata da sua Eccellenza 'Ordinanze adottate dai sindaci sulla riapertura dei cimiteri'. Il prefetto annulla di fatto i provvedimenti dei sindaci della Ciociaria con i quali si prevedeva la riapertura a breve dei luoghi di culto.

Cerimonie funebri sì ma con massimo 15 persone

"Il decreto legge 19 del 2020 prevede la sospensione delle cerimonie civili e religiose e la limitazione dell'ingresso nei luoghi destinati al culto. Al riguardo, - scrive il prefetto Portelli - le indicazioni tuttora vigenti del Ministero della Salute recepite dalla regione Lazio con successive ordinanze, stabiliscono che i cimiteri vanno chiusi al pubblico per impedere occasioni di contagio dovute all'afflusso di visitatori. Dal 4 maggio il DPCM del 26 aprile ha previsto la possibilità di poter svolgere le cerimonie funebri con l'esclusiva partecipazione dei congiunti (fino ad un massimo di 15 persone), con funzione da svolgersi preferibilmente all'aperto e rispettando le misure di protezione sanitaria previste.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Ordinanze nulle

Pertanto si ricorda che le ordinanze che prevedeono le riaperture sono nulle e dunque prive di efficacia giuridica, con il rischio di esporre le SS.LL a conseguenze, nonché di porre questa Prefettura nella condizione di non poter accettare giustificazioni sulle sanzioni infliette a tutela del bene comune della salute collettiva".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Pontecorvo, speciale elezioni: Anselmo Rotondo resta sindaco (video)

  • Omicidio Willy, tracce organiche nella macchina dei fratelli Marco e Gabriele Bianchi

  • Coronavirus, impennata di casi di positivi a Colleferro. Ecco cosa è successo

  • Coronavirus, l'appello di un fisioterapista positivo: "I miei pazienti facciano attenzione"

  • Omicidio Willy, lo sfogo del gestore di un locale di Colleferro: “non siamo il cancro di questa città”

  • Ceccano, i nomi dei 16 eletti in Consiglio comunale e tutti i numeri delle Elezioni 2020

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FrosinoneToday è in caricamento