Cassino, accecato dalla gelosia morde la fidanzata sulla guancia in pieno centro

Il fatto è avvenuto in piazza Labriola. L'uomo non contento si è fatto consegnare il telefono e lo ha distrutto. La ragazza lo ha denunciato alla Polizia

La triste ed imbarazzante storia di un amore “cannibale” e malato dalla gelosia e dagli eccessi di sostanze alcoliche. Un’altra triste storia “protagonista” una coppia di giovani fidanzati. Lui, un ragazzo “tranquillo” che sotto l’effetto di bevande alcoliche si trasforma al punto da non saper gestire più le proprie emozioni, lei la vittima.

L'aggresione

E’ accaduto a Cassino: una serata, in piazza Labriola, locali, musica, tanti giovani e purtroppo anche tanto alcol. La coppia si incontra con altri amici; poi, tra un bicchiere ed un altro di alcolici e superalcolici, si perde tra la folla della movida. Il ragazzo inebriato e poco lucido non trova la fidanzata, la contatta al cellulare, la raggiunge e, preso dall’ira furente, le si avventa contro e le morde la guancia.

Le grida inascoltate

La giovane grida, ma la musica ad alto volume purtroppo attutisce le sue richieste di aiuto. Tenta la fuga. Trova riparo nella sua auto, ma lui dopo poco la raggiunge e si fa consegnare il telefonino, lo restituirà solo dopo un’ora, ma rotto e piegato in due, .
Non era la prima volta che il giovane mordeva la sua fidanzata e non era la prima volta che eccedeva con l’alcol;  minacce  di morte nei confronti della famiglia della vittima, aggredito anche il fratello.

La denuncia

La ragazza si fa forza e trova il coraggio di denunciare l’accaduto al Commissariato di Cassino. Grazie alla determinazione della vittima, che non si è nascosta dietro il muro del silenzio ma ha denunciato le violenze subite, la Polizia di Stato ha avuto potuto e deferire l’aggressore alla competente Autorità Giudiziaria.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...


Molto spesso, invece accade che le vittime di violenza si limitano a “denunciare” i fatti solo sui social network o ai mass-media, ma rifiutandosi poi di sporgere querela, impediscono giuridicamente qualsiasi attività investigativa.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Jonathan Galindo fa paura anche a Frosinone: denuncia di un padre a “Le Iene”

  • Da Colleferro alla serie tv "Doc - nelle tue mani", la storia di Massimo Ciccotti

  • Coronavirus, Frosinone è la provincia più contagiata del Lazio

  • Coronavirus, aggiornato l’elenco delle strutture ciociare che effettuano il ‘tampone rapido’ a 22 euro

  • Alatri, Giuseppe Mazza muore in un letto di ospedale. Era rimasto ferito in un incidente con la sua moto

  • Cassino, due quindicenni pestati a sangue dai bulli per gelosia

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FrosinoneToday è in caricamento