menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

L'ex sindaco Salvati ancora nei guai, maxi sequestro di beni per 250mila euro

La Guardia di Finanza di Cassino su disposizione della Procura e del Gip ha posto il blocco di un appartamento situato a Roma.

Sequestrato di beni all'ex sindaco di San Giovanni Incarico Antonio Salvati. I finanzieri del Comando Provinciale di Frosinone hanno dato esecuzione ad un’ordinanza di misura cautelare reale emessa dal Tribunale di Cassino nei confronti di Salvati Antonio, già presidente dell’Unione dei Comuni “Antica Terra di Lavoro” e sindaco di San Giovanni Incarico.

La vicenda è nota alle cronache: l’ex primo cittadino è stato arrestato per concussione e da ultimo, con provvedimento del Ministero dell’Interno, radiato dall’albo dei Segretari comunali. Secondo l’ipotesi accusatoria, nella sua qualità di Presidente dell’Unione Comuni, il Salvati, dietro minaccia e con violenza si sarebbe fatto consegnare somme di denaro dal rappresentante di una cooperativa di Arce impegnata nell’accoglienza dei migranti.

In particolare, tale cooperativa avrebbe corrisposto all’accusato, tra il 2013 e il 2017, circa 250.000 euro al fine di ottenere il pagamento delle prestazioni erogate in favore dell’Ente Pubblico.

In tale contesto, le Fiamme Gialle del Gruppo di Cassino, su delega del Sostituto Procuratore della Repubblica di Cassino, Alfredo Mattei, hanno effettuato specifici accertamenti volti alla ricostruzione della consistenza e della composizione del patrimonio dell’imputato.

Gli accertamenti di natura economico-finanziaria, estesi anche ai conti bancari e alle possidenze di familiari e conviventi, hanno consentito di ricostruire minuziosamente i passaggi di denaro e le transazioni effettuate nel periodo di commissione delle condotte criminose.

Dai riscontri effettuati, in particolare, il profitto del reato ascritto sarebbe stato destinato all’acquisto di beni immobili, nel dettaglio un appartamento con garage intestato al coniuge del Salvati, sito nel Comune di Roma, quartiere Collatino.

Al termine degli accertamenti, il Tribunale di Cassino ha emesso nei confronti dell’imputato un decreto di sequestro finalizzato alla confisca diretta ovvero “per equivalente” per un importo di 250.000 euro. In esecuzione della disposta misura cautelare sono stati sottoposti a sequestro i citati beni immobili aventi un valore complessivo pari alla somma da sottoporre a cautela.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Lazio in zona gialla? I numeri dicono di sì, ma...

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Eventi

    Incontro con Simone Frignani, il costruttore di cammini!

  • Attualità

    Le 'ciocie' tra storia e curiosità

Torna su

Canali

FrosinoneToday è in caricamento