rotate-mobile
Mercoledì, 24 Aprile 2024
Il fatto / Cassino

Famiglia minacciata di morte consegna 350 mila euro a pusher, scatta l'arresto

La DDA di Roma ha bloccato un pregiudicato residente nella Capitale che aveva preso di mira una donna e i suoi due figli residenti nel Cassinate

Avrebbe minacciato di morte una donna residente nel Cassinate e i suoi due figli che terrorizzati hanno consegnato oltre 350mila euro tra bonifici e contanti. Un pregiudicato residente a Roma, di 46 anni, è stato arrestato su disposizione della DDA capitolina e a seguito le indagini dei Carabinieri del Nucleo Investigativo di Roma, coadiuvati dai militari della Compagnia CC Piazza Dante.

L'uomo è gravemente indiziato di essere responsabile di estorsione in concorso aggravata dal metodo mafioso ai danni di un trentaseienne residente nella provincia di Frosinone e dei suoi familiari.

In particolare, nel corso delle indagini è emerso come l'uomo, in concorso con altri soggetti, mediante reiterate minacce di morte, perpetrate anche con l’uso di armi, abbia costretto anche la madre e il fratello della vittima a corrispondergli la somma di circa 350.000 euro, al fine di estinguere debiti contratti dopo l'acquisto di sostanze stupefacenti.

Le diverse somme di denaro estorte venivano elargite principalmente in contanti, ma anche sotto forma di bonifici a favore di soggetti inseriti nella cerchia relazionale dell'arrestato che lo scorso anno era stato arrestato in flagranza di reato dai Carabinieri della Sezione Radiomobile di Cassino , poiché sorpreso nei pressi dell’abitazione delle vittime in possesso di un’arma clandestina.

La Direzione Distrettuale Antimafia della Procura della Repubblica di Roma, nelle prossime ore, richiederà al competente Tribunale la relativa convalida.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Famiglia minacciata di morte consegna 350 mila euro a pusher, scatta l'arresto

FrosinoneToday è in caricamento