"30 mila euro per diventare infermiera": arrestata truffatrice ciociara che prometteva posti di lavoro

Nei giorni scorsi la 50enne è stata arrestata e trasportata presso il carcere femminile di Rebibbia. Le indagini sono state portate avanti dalla procura di Roma per competenza

asl

Soldi in cambio di un posto di lavoro all'Asl, arrestata una cinquantenne ciociara, con l'accusa di millantato credito, truffa e falso.  Secondo gli elementi portati avanti dagli inquirenti la donna oltre a truffare persone nella capitale avrebbe imbrogliato anche numerosi aspiranti lavoratori del capoluogo ciociaro, di Veroli ed Alatri. Otto le vittime che sarebbero state truffate. 

Ecco come funzionava la truffa

Per la cronaca va detto che per far cadere i tanti "pesciolini" nella sua rete faceva credere di essere amica di un componente  della segreteria di un importante politico. Una persona influente che avrebbe spalancato le porte a coloro che dietro lauto compenso erano in cerca di occupazione. In realtà si tratterebbe soltanto di una persona con la quale divideva i guadagni delle truffe.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il tariffario

Per il tipo di professione che si voleva svolgere c'era un vero e proprio tariffario. Si partiva dai settemila euro fino ad arrivare ai 30mila in caso di occupazione come infermiere o impiegato nell'azienda sanitaria Locale. Le denunce presentate nei confronti della donna hanno portato gli investigatori ad indagare. E proprio nei giorni scorsi la 50enne ciociara è stata arrestata e trasportata presso il carcere femminile di Rebibbia. Le indagini sono state portate avanti dalla procura di Roma per competenza. Di certo c'è che l'inganno sarebbe stato perpretato dagli anni 2007 fino ai giorni scorsi quando per la mediatrice si sono spalancate le porte del carcere.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Da Colleferro alla serie tv "Doc - nelle tue mani", la storia di Massimo Ciccotti

  • Coronavirus, muore il costruttore Gabriele Cellupica: Sora sotto choc

  • Giovane militare ciociaro muore nel sonno, choc in caserma

  • Picinisco, accoltellato un operaio mentre lavorava nel cantiere per il ripristino della frana

  • Alatri, Giuseppe Mazza muore in un letto di ospedale. Era rimasto ferito in un incidente con la sua moto

  • Coronavirus in Ciociaria, tamponi rapidi a 22 euro: autorizzati per ora 16 laboratori privati

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FrosinoneToday è in caricamento