Regione, s&p conferma rating ‘bbb’ e outlook ‘stabile’, continua riduzione debito”. Zingaretti, "il lazio e’ più affidabile e continua a crescere”

Regione,  s&p conferma rating ‘bbb’ e outlook ‘stabile’, continua riduzione debito”. Zingaretti, "il lazio e’ più affidabile e continua a crescere”

Regione, s&p conferma rating ‘bbb’ e outlook ‘stabile’, continua riduzione debito”. Zingaretti, "il lazio e’ più affidabile e continua a crescere”

L’agenzia di rating Standard & Poor’s ha reso pubblico il nuovo rapporto sul debito della Regione Lazio che premia il risanamento di bilancio portato avanti in questi mesi confermando il rating “BBB” e l’outlook “stabile”.

Le aspettative di S&P nel breve periodo sono positive con una continua riduzione del debito nel triennio 2016-2018. Il Lazio ha registrato un miglioramento già nel 2015, in anticipo di un anno rispetto alle aspettative dell’agenzia americana, tale da consentire di raggiungere il pareggio di bilancio previsto dal Governo e da rivedere verso l’alto il giudizio di S&P, da debole a medio, sulle performance di bilancio. Fra i fattori positivi citati da S&P nel suo rapporto, il buon controllo della spesa da parte della macchina amministrativa, che ha messo in campo misure per snellire i costi, il quadro istituzionale in cui opera e l’adeguata liquidità. L’agenzia evidenzia come la Regione Lazio abbia ulteriormente ridotto le spese del 5% del 2015 rispetto al 2014.

Un quadro positivo sui conti del Lazio quello delineato da S&P che nel suo giudizio prospetta un continuo miglioramento del rating regionale supportato dall’abbassamento dell’elevato deficit sanitario, in linea con il piano di rientro concordato con il Governo, e grazie allo sforzo di contenimento dei costi adottato dalla Regione.

“Oggi dall’autorevole agenzia di rating non solo arriva una conferma che le misure messe in campo dalla Regione Lazio per contenere i costi e sanare il debito sono quelle corrette, ma è anche una certificazione di affidabilità del nostro ente di fronte a tutti gli operatori del mercato finanziario. Questo – spiega il Presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti - ci consente di andare avanti con ancora più convinzione per rilanciare il tessuto produttivo ed economico della nostra Regione e per dare il nostro contributo a tutto il Paese. Perché se cresce la seconda regione per Pil è più forte tutta l’Italia”.

MAFIA; LA REGIONE LAZIO PARTECIPA A “PALERMO CHIAMA ITALIA” ALLA CASA DEL JAZZ UN CONCERTO CON I FINALISTI DEL CONCORSO ‘UN BRANO CONTRO LE MAFIE’, INTERVEGONO RAPPRESENTANTI FORZE DELL’ORDINE

In occasione dell’ XXIV anniversario della strage di Capaci, in cui persero la vita Giovanni Falcone, Francesca Morvillo, Vito Schifani, Rocco Dicillo e Antonio Montinaro, la Regione Lazio ha deciso di aderire a “Palermo chiama Italia”, progetto coordinato dal Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca e dalla Fondazione Giovanni Falcone sotto il Patronato del Presidente della Repubblica e il patrocinio del Senato.

Una giornata di impegno di lotta alle mafie in occasione della quale la Regione Lazio ha organizzato un concerto musicale al parco della Casa del Jazz di viale di Porta Ardeatina 55. Al concerto si esibiscono dieci gruppi finalisti del concorso rivolto alle scuole del Lazio “ Un Brano contro le mafie” promosso dall’Osservatorio Sicurezza e Legalità in collaborazione con progetto ABC e LazioInnova al quale hanno partecipato con un brano inedito 85 Istituti scolastici del Lazio.

“Aderiamo con convinzione all’iniziativa ‘Palermo chiama Italia’ in occasione dell’anniversario della strage di Capaci. La peculiarità per noi è quella di ospitare domani alla Casa del Jazz oltre 2.500 tra studenti e insegnanti provenienti da tutte le province del Lazio, che hanno partecipato al concorso ‘Un brano contro le mafie’, in un mega concerto-evento a cui hanno aderito rappresentanti delle istituzioni e delle Forze dell’ordine e numerosi artisti. Tutti insieme siamo uniti per dare alle nuove generazioni un altro segnale nella lotta alla mafia e alla criminalità – spiega il presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti - Il nostro dovere è non dimenticare e tramandare il messaggio che le vittime della mafia ci hanno lasciato”.

Oltre ai gruppi musicali studenteschi sul palco ci sono anche Stefano Di Battista con Nicky Nicolai, Tommaso Zanello detto ”Er Piotta” e Luca Barbarossa. La manifestazione sarà presentata dal giornalista Giuliano Giubilei e dall’attrice Michela Andreozzi. Intervengono all’evento il presidente della Regione Nicola Zingaretti, il presidente dell’Osservatorio per la Legalità e la Sicurezza Gianpiero Cioffredi, Luca Palamara, magistrato del Csm, il colonnello Francesco Gosciu, capo centro operativo DIA di Roma, Niccolò D'Angelo, questore di Roma, Baldassarre Favara, presidente commissione consiliare Antimafia

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Alessandro Borghese e “4 ristoranti” in Ciociaria: ecco la data della puntata

  • Morte Ennio Marrocco, arrestato per omicidio stradale il conducente della BMW

  • Giovane finanziere muore nel sonno, la tragedia nella notte

  • Scontro frontale in via Appia, giovane padre muore sul colpo

  • Giovane carabiniere colleferrino trovato morto in caserma nel nord Italia

  • Cassino, lo straziante addio ad Ennio Marrocco. Domiciliari per l'autista della Bmw

Torna su
FrosinoneToday è in caricamento