Anagni, a breve potenziato il presidio ospedaliero con nuovi cardiologi ed anestesisti

Questo quanto emerso da un incontro in Regione tra i vertici comunali, il presidente Buschini, i rappresentanti del comitato Adesso Basta ed il Prefetto Portelli

Nelle ore scorse il sindaco di Anagni Daniele Natalia ed una delegazione del Comitato “Adesso Basta!” hanno incontrato presso la Regione Lazio il Presidente del Consiglio regionale On. Mauro Buschini e l’Assessore regionale alla Sanità On. Alessio D’Amato. Il tema della riunione è stato quello dell’emergenza sanitaria nel nord della Provincia di Frosinone, cioè nell’area del comprensorio di otto comuni oltre Anagni. La Regione Lazio ha confermato la necessità e la volontà di potenziare la fornitura di servizi emergenziali. Il territorio avrà a brevissimo un potenziamento in termini di medici specialisti ivi compreso cardiologo e anestesista.

Il decreto ad hoc per un nuovo hub emergenziale

L’assessore D’Amato ha espresso la volontà, attraverso un apposito decreto commissariale, di finanziare l’istituzione di un hub emergenziale riprendendo i piani logistici contenuti nel “Protocollo Battaglia” che prevedeva, a suo tempo, l’allocazione della struttura sanitaria a ridosso del casello autostradale di Anagni. Un hub emergenziale nei pressi del casello autostradale di Anagni sarebbe baricentrico e facilmente raggiungibile da parte degli utenti del comprensorio dell’area nord, ma anche un servizio necessario per la zona industriale della città dei papi. Il Prefetto di Frosinone Ignazio Portelli ha perorato personalmente con gli organi regionali la causa emergenziale del territorio dell’area nord.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La condivisione delle preoccupazioni

Il sindaco di Anagni Daniele Natalia ha dichiarato: "Bisogna essere consapevolmente felici del fatto che la Regione abbia condiviso le preoccupazioni del territorio dell’area nord in materia di servizi emergenziali. L’impegno preso oggi alla Pisana, che segue quello dell’On. Presidente Buschini al convegno di Anagni promosso dal Comitato “Adesso Basta!”, è la conferma che, questa volta, il percorso di ricostruzione del tessuto sanitario di Anagni e del comprensorio è concreto. Fermo restando che sulla sanità nessuno può né vuole accontentarsi, e che ogni proposta è migliorabile, di fatto oggi un risultato importante (in quanto in controtendenza) è stato raggiunto e di questo devo ringraziare l’On. Presidente Buschini e l’assessore D’Amato che hanno voluto accogliere le richieste più urgenti del territorio. Un ringraziamento sincero lo porgo al Prefetto Ignazio Portelli per aver sostenuto con forza questa causa, a Sua Eccellenza il Vescovo Loppa che non ha mai fatto mancare la vicinanza fisica e morale, alle associazioni a tutela della salute, in particolare al comitato Adesso Basta che tanto ha fatto in questo periodo e continuerà a fare per la questione della salute per il nostro territorio. In ultimo, ma non per importanza, un ringraziamento ai colleghi sindaci, agli amministratori e ai tanti cittadini che stanno sostenendo con convinzione una battaglia che, se scevra da personalismi, colori politici e riserve mentali, porterà sicuramente benefici per il territorio".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Jonathan Galindo fa paura anche a Frosinone: denuncia di un padre a “Le Iene”

  • Coronavirus, Frosinone è la provincia più contagiata del Lazio

  • Coronavirus in Ciociaria, record di tamponi e boom di casi: 63 in 29 Comuni. Positivi anche tre studenti e una maestra

  • Cassino, due quindicenni pestati a sangue dai bulli per gelosia

  • Coronavirus, aggiornato l’elenco delle strutture ciociare che effettuano il ‘tampone rapido’ a 22 euro

  • Coronavirus a non finire: in Ciociaria ben 100 dei 795 casi del Lazio. D'Amato: 'Siamo a un livello arancione'

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FrosinoneToday è in caricamento