In arrivo il Referendum sul taglio dei parlamentari. Coronavirus permettendo

Anche la Prefettura di Frosinone ha dettato l'iter ai “suoi” 91 Comuni. Per ora il Governo non pare propenso al rinvio del voto per via dell'emergenza epidemiologica. Nel frattempo, un aggiornamento su contagi e vittime del Covid-19

Anche i 91 Comuni della provincia di Frosinone, tra gli oltre 7.000 italiani, hanno ormai ricevuto tutta la documentazione e dato il via alle varie fasi disposte dalla Prefettura territoriale per il quarto Referendum Costituzionale della storia della Repubblica: quello fissato per domenica 29 marzo al fine di esprimere il consenso o il dissenso rispetto alla riduzione del numero dei parlamentari.

L’approvazione o meno del relativo Testo di Legge Costituzionale, però, dovrà fare i conti con le recenti “Disposizioni attuative del Decreto-Legge n. 6/2020, recante misure urgenti in materia di contenimento e gestione dell’emergenza epidemiologica da Covid-19”.

Il nuovo Coronavirus che in Italia ha fatto sinora registrare 374 contagiati, di cui 3 nel Lazio, e 12 vittime, e potrebbe far sospendere anche il Referendum, come ogni altra occasione di assembramento di persone. Si spera, ovviamente, che l’emergenza rientri prima. Nelle zone in quarantena, in caso contrario, si potrebbe optare per una pur complessa estensione del voto domiciliare, solitamente riservato agli elettori affetti da gravi infermità.  

Il bollettino delle 12.00 del 26 febbraio

Numeri in crescente aumento, visto che i casi accertati erano 229 alle 18.00 del 24 febbraio e 322 alle stessa ora del 25 febbraio, e ormai riguardanti 8 regioni e una provincia autonoma: oltre alle più colpite Lombardia (258) e Veneto (71), Emilia-Romagna (30), Piemonte, Lazio e Sicilia (3), Toscana (2), Liguria, Marche Bolzano (1). 

L’attuale situazione nel Lazio

Va ricordato quanto sottolineato, in audizione alla Pisana, dall’Assessore alla Sanità laziale Alessio D’Amato: “Noi ad oggi non abbiamo casi autoctoni che riguardano la nostra regione. L’emergenza per quanto riguarda la Regione Lazio risale a un mese fa al con l’arrivo dei due pazienti cinesi provenienti da Wuhan che sono risultati positivi. Una coppia di marito e moglie”.

L’uomo è stato dichiarato negativizzato -  ha fatto presente - La donna non è più in terapia intensiva ed è in progressivo miglioramento. Il terzo caso, un ragazzo che veniva dalla Cecchignola, tra i 55 italiani che sono ritornati dalla Cina, sta bene ed è tornato alla propria attività lavorativa. Ad oggi abbiamo notificato all’istituto superiore di sanità 198 test effettuati e solo i tre che ho ricordato sono risultati positivi”.

Dall'INMI "Spallanzani" di Roma

Questo l'ultimo bollettino medico (pubblicato alle 12 del 26 febbraio) dell'Istituto Nazionale per le Malattie Infettive:  "Viene sciolta in data odierna, a 29 giorni dal ricovero, la prognosi della coppia cinese, casi confermati di COVID-19. La coppia cinese è attualmente ricoverata in degenza ordinaria".

"La donna - si mette al corrente - è stata traferita oggi dalla rianimazione in reparto in condizione cliniche in chiaro miglioramento, vigile e orientata. Ieri, per la prima volta, sono risultati negativi i test per la ricerca del nuovo Coronavirus". Il marito, tuttora ricoverato in regime ordinario, prosegue con successo la riabilitazione".

"Sono stati valutati, ad oggi, presso la nostra accettazione - si ricapitola in conclusione - 140 pazienti. Di questi, 101 risultati negativi al test, sono stati dimessi. Trentanove sono i pazienti tuttora ricoverati". 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il Referendum del 29 marzo

Si voterà “sì” o “no” alle modifiche agli articoli 56, 57 e 59 della Costituzione, che entrerebbero in vigore a partire dal primo scioglimento delle Camere. Se prevarranno i favorevoli, il numero dei deputati e quello dei senatori verranno ridotti, rispettivamente, da 630 a 400 e da 315 a 200 e, nel caso degli eletti all’Estero, da 12 a 8 e da 6 a 4. Tranne che in Molise (2) e in Valle d’Aosta (1), poi, ogni Regione e Provincia Autonomia avrà 3 senatori. In quanto ai senatori a vita, infine, non potranno essere più di 5.    

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Alessandro Borghese e "4 Ristoranti" sbarcano a Frosinone

  • Paliano, violento frontale tra due auto, un ragazzo perde la vita (foto)

  • Frontale sulla Palianese, la morte del giovane Mattia lascia un vuoto incolmabile

  • Coronavirus, nuovo caso in una scuola ciociara: attivata la didattica a distanza

  • Il cuore di Willy spaccato a metà dalle troppe botte. Tre indagati per omissione di soccorso

  • Coronavirus, più tamponi e ben 31 casi in Ciociaria. D'Amato: 'Mantenere alta l'attenzione'

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FrosinoneToday è in caricamento