rotate-mobile
Sanità

Sanità, ecco cosa c’è dietro la chiusura del reparto di psichiatria dello Spaziani

Una situazione che sta diventando sempre più difficile e per il momento sembra essere senza spiragli

La chiusura del reparto di psichiatria dell’ospedale di Frosinone si sta sempre più configurando come un vero e proprio dramma per tutto il territorio e per gli abitanti di Frosinone e del comprensorio. La Cgil ha ricostruito nel dettaglio le vari fasi e come si è arrivati a questa chiusura tra concorsi non autorizzati e spostamenti di posti letto a Cassino.

La Fp Cgil di Frosinone Latina già in data 9 Maggio esprimeva fortissime preoccupazioni, sulla stampa, per il rischio di chiusura dell’SPDC dell’Ospedale Spaziani di Frosinone.  Purtroppo, nonostante gli sforzi della direzione aziendale, il 29 Giugno ci viene comunicato che i 12 posti letto verranno sospesi e sarà attivata la modalità di day hospital, andando ad utilizzare in parte l’Spdc di Cassino.

La Asl di Frosinone aveva chiesto di svolgere un concorso in forma autonoma per Dirigenti Psichiatri che però non gli è stato autorizzato dalla Regione Lazio, al contrario gli è stato concesso di partecipare in forma aggregata al concorso della Asl Roma 2 (che prevede 10 Dirigenti Pischiatri per la Asl di Frosinone).

“La Regione Lazio – scrivono in una nota i rappresentanti dell Fp Cgil - non può fare orecchie da mercante scaricando tutti i problemi sulle Asl territoriali, ma si deve adoperare affinchè lo scorrimento della graduatoria della Asl Roma 2 avvenga nel minor tempo possibile permettendo la riapertura dell’ Spdc di Frosinone così da non gravare sul Pronto Soccorso dello Spaziani (già al limite) e sull’ Spdc di Cassino.

Per la gestione di particolari tipologie di pazienti servono strutture e personale idoneo, non è possibile assolutamente improvvisare mettendo a rischio la sicurezza dei pazienti e dei lavoratori.

Deve esserci un cambio radicale di passo con un piano straordinario delle assunzioni altrimenti si interverrà, come in questo caso, dopo che il danno è stato fatto (forse).

Nell' Ospedale Spaziani di Frosinone invece di puntare al DEA di II Livello si chiudono i reparti riducendo i servizi ai cittadini: noi non resteremo inermi ad assistere a questo scempio.

Stiamo raccogliendo, come organizzazione sindacale, le firme per sensibilizzare le istituzioni a procedere con le assunzioni, stabilizzazioni dei precari nella sanità e internalizzazioni di chi lavora negli appalti. Noi continueremo la nostra battaglia in difesa e rilancio del SSR pubblico e universale, in difesa e rilancio della sanità nel nostro territorio”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sanità, ecco cosa c’è dietro la chiusura del reparto di psichiatria dello Spaziani

FrosinoneToday è in caricamento