Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

VIDEO | Quale futuro per le scuole ciociare “Angeloni”, “Brunelleschi” e “Severi”?

I punti di vista del coordinatore della Rete degli Studenti Medi di Frosinone Jacopo Nannini e, anche in risposta al critico Circolo cittadino del Partito Democratico, della Consigliera provinciale e comunale dem Alessandra Sardellitti

 

A margine del taglio del nastro presso le nuove aule dell’Agrario, di scena ieri 20 gennaio, il coordinatore della Rete degli Studenti Medi di Frosinone Jacopo Nannini e la consigliera provinciale Alessandra Sardellitti, delegata alla Pubblica Istruzione, sono intervenuti sulle controverse questioni relative al "Piano provinciale di dimensionamento della rete scolastica per l’anno 2020/2021".

Le questioni controverse

Si parla dell’aggregazione del sottodimensionato IIS “Brunelleschi-Da Vinci” di Via Piave (434 studenti di Tecnico Economico e Geometra) all’altro Istituto di Istruzione Superiore “Angeloni” di Viale Roma (614 alunni di Tecnico-professionale), il cui Agrario ha appena ricevuto nuove aule e ne avrà altre nella sede di Via Fabi, e dello scambio di sede tra lo stesso “Brunelleschi” e il Liceo Scientifico “Severi” di Viale Europa.

L'accorpamento dei due IIS

A tal proposito, alla luce del parere favorevole dell’Ufficio Scolastico territoriale ma non della Commissione regionale competente nonché al netto delle proteste di sindacati e studenti, la Regione Lazio ha ritenuto necessario “congelare” il riassetto e istituire un apposito tavolo tecnico, avviato proprio ieri in Provincia.

Lo scambio di sedi Tecnico-Liceo

In quanto allo scambio di edifici Brunelleschi-Severi, invece, la Rete provinciale degli Studi Medi aveva festeggiato sin dallo scorso mese di settembre in quanto fortemente impegnata da anni a favore del trasloco dei numerosissimi liceali frusinati in ambienti capaci di contenerli.  

Alla Provincia, guidata dal Presidente Antonio Pompeo e indirizzata in materia dalla succitata Sardellitti, erano stati richiesti chiarimenti a riguardo nei giorni scorsi dal Circolo del Partito Democratico di Frosinone, retto dal segretario Domenico Alfieri. Per intenderci, il solito screzio tra correnti del PD.

Dal Sindacalista Nannini

“La Rete degli Studenti Medi di Frosinone - dichiara il suo coordinatore - si è battuta per tanti anni affinché l’Agrario ‘Angeloni’ avesse una sede idonea. Oggi siamo arrivati all’inaugurazione di una parte, ma non possiamo dire di certo di aver raggiunto un traguardo. Si tratta sicuramente di qualcosa di positivo perché si dà dignità a un indirizzo di studi fondamentale per il nostro territorio, dopo tantissime battaglie”.

La Rete - ricorda - ha fatto decine e decine di incontri con la Provincia. Sicuramente il tempo che è passato è stato tantissimo: una lentezza burocratica impressionante per questo Paese. La Rete degli Studenti Medi è oggi felice, perché una parte degli studenti può finalmente tornare in una struttura idonea, accanto all’azienda (agraria, ndr) e ai bisogni”.

Qui non finisce la nostra battaglia, anzi ne inizia una più importante, a partire dalle altre scuole di Frosinone - assicura - perché noi chiediamo a gran voce da tanti anni un piano straordinario di interventi sull’edilizia scolastica, un piano che stanzi dei fondi e abbia il coraggio di dire che, se le scuole crollano, non si può parlare di istruzione. È un requisito primario e fondamentale”.

Per gli studenti del ‘Severi’, del ‘Brunelleschi’ e di tutte le altre scuole - se ne fa portavoce - chiediamo interventi straordinari di programmazione sul bilancio della Provincia. Noi saremo sempre al fianco degli studenti, perché riqualificare non vuol dire mettere le ‘toppe’ e sistemare a destra e sinistra, ma avere una visione di scuola diversa, alternativa, abbattendo le barriere architettoniche e creando nuovi laboratori e spazi che siano degni degli studenti che ci sono dentro”.

La dignità dello studente - conclude - sarà sempre e comunque il nostro requisito fondamentale per fare delle battaglie. Siamo felici, ma adesso inizia un’altra storia, che noi vogliamo scrivere insieme agli studenti”.  

Dalla Consigliera Sardellitti

Oggi è un momento storico - lo definisce la delegata provinciale alla Pubblica Istruzione - Ci scusiamo per il ritardo con cui questa consegna è stata effettuata, però l’importante è che alla fine si riesca a raggiungere questo obiettivo. Nel pomeriggio (di ieri, ndr) ci sarà una riunione di carattere tecnico con i dirigenti del Liceo Scientifico ‘Severi’ e dell’IIS ‘Brunelleschi’ per verificare le possibilità di scambio di edifici tra i due istituti”.

“Da una parte, abbiamo un Liceo Scientifico che necessita di aule ed è attualmente diviso in due strutture completamente separate tra loro. Dall’altra, c’è il ‘Brunelleschi’, il cui numero di iscritti nel corso degli anni è diminuito, quindi potrebbero benissimo rientrare all’interno dell’edificio del ‘Severi”.

Questo senza nessuna distinzione tra gli edifici, senza avere l’impressione che ci possano essere studenti di Serie A e studenti di Serie B. Stiamo dando eventualmente al ‘Brunelleschi’, nel caso in cui gli aspetti tecnici andassero a buon fine, una sede assolutamente idonea, una delle poche che è ai massimi livelli di sicurezza”.

“L’edificio si trova al centro di Frosinone, a 150 metri di distanza dalla loro sede, per cui pensiamo veramente di tutelare il diritto allo studio di tutti, sia dei ragazzi di Ragioneria e Geometra sia dei ragazzi del ‘Francesco Severi’ che oggi vivono in condizioni disagiate”.

Potrebbe Interessarti

Torna su
FrosinoneToday è in caricamento