rotate-mobile
Domenica, 14 Aprile 2024
Anagni

Rifiuti, la discarica di Colle Fagiolara continuerà a crescere. In Regione firmato l’ok per altre 300 tonnellate al giorno

Quello che stiamo per scrivervi in queste righe che seguono in pratica è una sorta di Testamento che decreta la fine della politica della Valle del Sacco e del sud della provincia di Roma.

Quello che stiamo per scrivervi in queste righe che seguono in pratica è una sorta di Testamento che decreta la fine della politica della Valle del Sacco e del sud della provincia di Roma.

Siamo venuti a conoscenza, grazie all’impegno degli esponenti del Movimento Civico di Paliano, che circa 10 giorni fa in Regione è stata firmata una determina (trovate le foto in pagina) con la quale si autorizza la “crescita” della discarica di Colle Fagiola nel comune di Colleferro, ai confini con quello di Paliano e con il morente Monumento Naturale della Selva. In pratica i vertici regionali hanno dato l’ok a Lazio Ambiente per versare 300 tonnellate al giorno di rifiuti provenienti dal TMB di Latina per un totale di oltre 24 mila tonnellate. Ora quindi è facile chiederci come mai tutti quegli amministratori della zona che si sono dichiarati sempre contrari a questa cosa e che addirittura hanno vinto le campagne elettorali promettendone la chiusura non hanno fatto nulla per impedire questo atto? E’ troppo facile essere in prima fila nella varie manifestazione organizzate dagli amichetti (in quanto giovani) della varie associazioni contro quello e quell’altro ma poi quando bisogna far muovere la politica a livello istituzionale ecco cosa succede. La regione di Zingaretti se ne frega di tutto e va avanti sulla strada dell’ampliamento della discarica posta di fronte ad una scuola. Dopo questo articolo nei prossimi giorni arriveranno le note stampa dei comuni che diranno che le amministrazioni sono contro questo ampliamento. Note di facciata ovviamente, perché se si voleva fare qualcosa veramente per impedire che ciò avvenisse, questo andava fatto prima e non venite a dirci che nessuno sapeva nulla perché ormai non ci crede più nessuno. Siamo veramente alla fine della politica locale.

“24 mila tonnellate di rifiuti, scarti del TMB di Latina pronti per colle Fagiolara: E' proprio così avete capito bene. La regione Lazio – si legge in una nota del Movimento Civico di Palino - "area ciclo integrativo dei rifiuti" con delibera n° g11840 del 14/10/2016 ha autorizzato lo sversamento di 24 mila tonnellate di rifiuti, 32 mila metri cubi, circa 300 tonnellate di rifiuti al giorno scarti del t.m.b. di Latina.

E con questo si è chiuso il piano del PD, e della giunta regionale del Lazio con a capo Zingaretti, cosi come aveva già avuto modo di dire l'allora candidata alla segreteria provinciale del pd, Sara battisti, nel convegno che fu tenuto in un noto ristorante palianese alla presenza del sindaco Alfieri e delle associazioni ambientaliste RETUVASA in primis, e dell'allora ministro all'ambiente Orlando, del Pd. Il movimento civico denunciò tutto ciò facendo anche ascoltare alla cittadinanza la registrazione delle parole della candidata alla segreteria, Sara Battisti e denunciò l'assordante silenzio di Alfieri e delle altre associazioni ambientaliste. Questo non bastò ed ora, purtroppo, non ci resta che constatare quanto da noi già denunciato. E pensare che l'attuale amministrazione di Paliano, con il sindaco Alfieri in testa, per una lettera che l'allora sindaco Sturvi inviò alla Polverini, invitandola a non costruire un nuovo Tmb (visto che ne era presente già uno, sempre autorizzato dal pd fino al 2018), fecero tanto chiasso e in campagna elettorale la utilizzarono come il loro cavallo di battaglia riuscendo a confondere molte persone, allora ignare. Per questa delibera approvata dalla regione Lazio, dalle stesse persone ci aspettiamo minimo i fuochi artificiali. Oltre a questo c'è anche da dire che il 31/12/2016 Lazio Ambiente, società della regione Lazio che gestisce la montagna di Colle Fagiolara, verrà venduta con un bando di gara europeo.

Significa che chiunque potrà acquistare questa società e continuare a sversare rifiuti a Colle Fagiolara tenendo presente che sarà anche il padrone degli inceneritori di Colleferro......secondo voi resteranno spenti?

Ora chiediamo al sindaco alfieri, all'osservatorio rifiuti zero, alla consulta dell'ambiente, alle associazioni ambientaliste presenti sul territorio ed a tutti i sindaci del circondario di adoperarsi fortemente e concretamente, non solo con azioni di facciata, affinché non venga definitivamente decretata la morte della valle del sacco e dell'intero nostro territorio. Consigliamo al sindaco Alfieri di dare seguito ai suoi frequenti proclami, e di dare un senso alla partecipazione alle manifestazioni per l'ambiente, continuando sulla strada intrapresa dal sindaco Sturvi, il quale fece ricorso al consiglio di stato contro la discarica di colle fagiolara! Magari questo significherà mettersi contro il partito ed il presidente Zingaretti.... Vedremo se davvero riuscirà a fare il sindaco di tutti i palianesi”. Dan. Flav.
Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rifiuti, la discarica di Colle Fagiolara continuerà a crescere. In Regione firmato l’ok per altre 300 tonnellate al giorno

FrosinoneToday è in caricamento