Valle Del Sacco

Artena, finisce sotto al trattore mentre lavora la terra e muore

Tragica morte per un uomo di 50 anni residente a Lariano. L’incidente in mattinata nella frazione delle Macere

Foto di archivio

Ancora una tragica morte sul lavoro quest’oggi nelle zone a sud di Roma ed in particolare ad Artena. Qui, nella frazione delle Macere, un uomo di circa 50 anni di origine rumene e residente a Lariano, è morto cadendo dal trattore mentre stava lavorando un pezzo di terra

È successo tutto intorno alle 9 del mattino di oggi. Secondo quanto ricostruito dai carabinieri - com riportato da romatoday.it, giunti sul posto, l'uomo era seduto sul cofano del mezzo pesante mentre un collega, un romeno di 30 anni, stava guidando il trattore per spostarsi tra due appezzamenti in via del Pantano.

Ad un tratto, a causa di un avvallamento, il 30enne ha perso il controllo del trattore ed il collega di 50 anni, cadendo, è finito sotto il mezzo agricolo, investito poi dalla ruota posteriore. L'operaio è morto sul colpo. La salma, a disposizione dell'Autorità Giudiziaria, è stata trasportata al policlinico di Tor Vergata. Il trattore è stato sequestrato dai carabinieri di Artena.

La nota della UGL

"La morte dell’operaio 50enne, che ad Artena è rimasto schiacciato da un trattore, ripropone in modo drammatico il problema della sicurezza sui luoghi di lavoro. Una strage continua, intollerabile, che il Governo deve subito affrontare con strumenti adeguati. Non ci si può fermare alle dichiarazioni o ai proclami, bisogna agire, come l'attuale momento di emergenza sociale, sanitaria ed economica insegna, anche chiudendo attività produttive non necessarie”.

Lo afferma il Segretario Generale dell’UGL, Paolo Capone, in merito all'incidente sul lavoro ad Artena, in provincia di Roma, in cui ha perso la vita un operaio 50enne originario della Romania, morto dopo essere stato schiacciato da un trattore guidato da un connazionale mentre lavorava in un'azienda agricola locale.

Per Capone “è fondamentale, in questa prospettiva, aumentare i controlli e promuovere una maggiore formazione e cultura della sicurezza. L’UGL, comunque, è in tour con la manifestazione ‘Lavorare per Vivere’ con l'obiettivo di sensibilizzare l'opinione pubblica sul triste fenomeno delle morti bianche. È ora di dire basta alle morti sul lavoro!” conclude.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Artena, finisce sotto al trattore mentre lavora la terra e muore

FrosinoneToday è in caricamento