Valle Del SaccoToday

Gavignano, Diziana Salvi: tesseramento PD fasullo. Lasciamo il partito.

RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO da Diziana Salvi. "Uno dei circoli che più ha fatto in proporzione ai suoi abitanti, nonostante non abbia  una sede e debba combattere una amministrazione di destra che governa ormai da quasi vent’anni, viene spazzato...

RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO da Diziana Salvi.

"Uno dei circoli che più ha fatto in proporzione ai suoi abitanti, nonostante non abbia una sede e debba combattere una amministrazione di destra che governa ormai da quasi vent’anni, viene spazzato via dalla nomenclatura che regna incontrastata all’interno della federazione provinciale.

A nulla sono serviti i banchetti e le iniziative pubbliche che hanno portato ad iscriversi nei tempi dettati dal regolamento dell’ assemblea precongressuale 33 persone. I signori della politica hanno deciso a tavolino, come in una partita di risiko, che dovevamo iscrivere d’imperio altre 17 persone. Mi è stato cosi inviato dalla federazione provinciale un elenco, contenente errori gravissimi, segno che queste persone non hanno avuto contatti con nessuno: nomi e cognomi messi a caso, dati anagrafici falsi e addirittura tre nominativi di esponenti della Giunta e del Consiglio Comunale eletti nella lista di destra. Tutto in chiaro e palese contrasto con lo Statuto del PD.

Del resto, perché meravigliarsi quando il segretario provinciale che alle ultime elezioni amministrative è riuscito a perdere 20 comuni su 21, ha come suo vice un ex segretario di alleanza nazionale.

Questo il clima di forzature e di intimidazioni che stiamo vivendo a Gavignano negli ultimi mesi, con un accanimento inspiegabile verso un circolo di una realtà così piccola.

Al diniego di accettare nuove iscrizioni, ben oltre il termine fissato del 28/2/2017 , quindi irregolari, (comunque con già un indicazione di voto). A questo è seguito un ricorso “telefonico” alla federazione e un controricorso dettagliato del Circolo, accompagnato da tutte le prove documentali. Il controricorso è stato completamente ignorato nessuna convocazione da parte della COMMISSIONE PROVINCIALE DI GARANZIA, nessun contradditorio. Mi sarei aspettata che la federazione cercasse di garantire i circoli e non un gruppetto d’iscritti che per altro nulla hanno a che fare con il circolo, ma chiaramente mi sbagliavo .

Questo è diventato il PD: non più gli iscritti al servizio del partito, ma il partito al servizio di pochi, al servizio di una politica fatta per mestiere. Questo non è più il partito che pensavo fosse, questo è un partito in cui chi non è d’accordo con la linea di pochi viene intimidito, isolato e colpito nella sua dignità politica, con la ferrea logica del branco.

Per noi la politica è passione, entusiasmo e sacrificio, tutto ciò nel Pd non esiste più.

Alla fine ce ne andiamo e lasciamo il circolo a chi fa della politica un mestiere. La consapevolezza di essere nel giusto ci solleva un po’ dall’amarezza e dalla rabbia di dover abbandonare il partito che pensavo fosse anche nostro.

Ieri ho rassegnato le mie dimissioni da segretaria del circolo e ho annunciato la restituzione della mia tessera e di quella di molti altri compagni e compagne.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Tengo a precisare che le mie dimissioni non sono dovute ad un fantomatico commissariamento del circolo come qualcuno sta facendo circolare nella solita maniera subdola "del si dice che……."

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Da Colleferro alla serie tv "Doc - nelle tue mani", la storia di Massimo Ciccotti

  • Coronavirus, muore il costruttore Gabriele Cellupica: Sora sotto choc

  • Giovane militare ciociaro muore nel sonno, choc in caserma

  • Picinisco, accoltellato un operaio mentre lavorava nel cantiere per il ripristino della frana

  • Alatri, Giuseppe Mazza muore in un letto di ospedale. Era rimasto ferito in un incidente con la sua moto

  • Coronavirus in Ciociaria, tamponi rapidi a 22 euro: autorizzati per ora 16 laboratori privati

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FrosinoneToday è in caricamento