Coronavirus, controlli a Frosinone città. L'appello di Ottaviani: "evitate gli assembramenti con più di due persone"

Numerosi sono stati i verbali di constatazione che, in alcuni casi, si sono tradotti anche in segnalazioni all'autorità giudiziaria, per soggetti non residenti provenienti da zone anche molto distanti dal capoluogo e che non sono stati in grado di fornire giustificazioni oggettive 

Continuano su tutto il territorio del comune di Frosinone le operazioni di controllo da parte degli agenti della municipale, disposte dal sindaco di Frosinone, Nicola Ottaviani, per verificare il rispetto delle prescrizioni emanate dal Governo in materia di chiusura dei pubblici esercizi e di divieto di assembramento nei luoghi pubblici.

La sanificazione degli uffici comunali e del cimitero

Numerosi sono stati i verbali di constatazione che, in alcuni casi, si sono tradotti anche in segnalazioni all'autorità giudiziaria, con particolare riferimento a soggetti non residenti, provenienti da zone anche molto distanti dal capoluogo, e che non sono stati in grado di fornire giustificazioni oggettive sulla loro presenza in città. Come, del resto, sempre numerose sono state le richieste di spiegazione rivolte alle autorità pubbliche, ivi compreso il Comune, relativamente al concetto di "assembramento", che viene indicato dal Governo come situazione o fonte di pericolo da eliminare.

I controlli in provincia dei carabinieri

Sul punto, il sindaco, Nicola Ottaviani, ha chiarito che "sebbene le norme utilizzate nei decreti legge, e nei decreti della Presidenza del Consiglio dei Ministri, non chiariscano cosa si debba intendere per 'assembramento', appare sufficiente applicare i principi generali di prudenza e di buon senso, evitando artifici e furbate che si ritorcono contro la collettività e contro gli autori di certe bravate. Per sintesi, e soprattutto per cercare di passare agli esempi pratici e concreti, in via generale, potremmo dire che, per andare in farmacia, al lavoro, a fare attività motoria, con una breve passeggiata nei parchi, nei giardini pubblici o anche in strada o, solo, per la spesa al supermercato, la regola dovrà essere quella di muoversi da soli; spostarsi in due solo nel caso in cui le persone convivano nello stesso ambiente familiare; stare in tre, invece, risulta, molto probabilmente, indice di violazione delle attuali normative, tranne, ovviamente, casi del tutto eccezionali e facilmente dimostrabili.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In definitiva, dobbiamo permettere una socializzazione minima nei luoghi pubblici, per garantire e tutelare l'intera società nei prossimi periodi. Mai, come in questo momento, qualche piccolo sacrificio di libertà individuale può coincidere con il diritto alla salute, propria e degli altri".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Paliano, violento frontale tra due auto, un ragazzo perde la vita (foto)

  • Frontale sulla Palianese, la morte del giovane Mattia lascia un vuoto incolmabile

  • Omicidio Willy, tracce organiche nella macchina dei fratelli Marco e Gabriele Bianchi

  • Pontecorvo, speciale elezioni: Anselmo Rotondo resta sindaco (video)

  • Coronavirus, l'appello di un fisioterapista positivo: "I miei pazienti facciano attenzione"

  • Ceccano, i nomi dei 16 eletti in Consiglio comunale e tutti i numeri delle Elezioni 2020

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FrosinoneToday è in caricamento