rotate-mobile
Venerdì, 19 Aprile 2024
Cronaca Anagni

Anagni, il dodicenne operato al setto nasale sta bene e presto potrà tornare a casa

Dai social una mamma lancia l'appello, subito raccolto dal sindaco e dall'amministrazione, per fare una manifestazione per le via della cittadina

Buone notizie giungono dal Bambin Gesù di Roma, il bambino di 12 anni che nei giorni scorsi è stato vittima di una violenta aggressione a calci e pugni da parte di altri ragazzini più grandi di lui, nella giornata di ieri è stato operato al setto nasale e l'operazione è andata bene e già nelle prossime ore potrebbe lasciare il nosocomio romano e fare ritorno nella sua casa ad Anagni (Frosinone).

Un gesto violento che ha lasciato il segno negli abitanti della città dei papi, una città che non è molto lontana da Alatri dove ci sono stati fatti di cronaca gravi come l'omicidio di Thomas Bricca, da Colleferro dove c'è stata la violenta aggressione che ha portato la morte il giovane Willy Monteiro nel settembre del 2020 e da Frosinone dove qualche giorno fa c'è stata la sparatoria dove ha perso la vita Kasem Kasmi.

L'aspetto positivo questa volte è che subito c'è stata una mobilitazione che dalla strada è arrivata sui social e c'è chi ha chiesto di fare una sorta di manifestazione spontanea per far sentire la vicinanza al bimbo rimasto ferito e ai suoi familiari.

Le buone notizie dal sindaco Natalia

"Il bimbo di 12 anni nella giornata di ieri è stato operato al setto nasale al Bambin Gesù - spiega al telefono a frosinonetoday.it il sindaco di Anagni Daniele Natalia -  e già nelle prossime ore se il decorso post operatorio procederà bene potrà essere messo in uscita e quindi potrà tornare a casa". Un gesto, come abbiamo detto poco fa, che ha scosso la cittadina che si è dimostrata unita nel condannare un tale gesto.

"Il bello di questa cosa - continua il primo cittadino anagnino - è che la città nel suo insieme si è mossa subito nell'esprimere solidarietà alla famiglia del giovane. Ben vengano manifestazioni che partono dia cittadini e che troveranno il nostro massimo appoggio. Per quanto riguarda la prevenzione di questi fenomeni violenti in futuro oltre ad aumentare i controlli in sinergia con le forze dell'ordine dobbiamo agire con i servizi sociali e capire all'interno di queste famiglie come si possa arrivare ad innescare questi fenomeni violenti in alcune fasce di età adolescenziali".

La manifestazione spontanea

Da una mamma l'appello più bello, quello a unirsi tutti insieme in una manifestazione spontanea per dimostrare concretamente la vicinanza al bambino ed ai suoi familiari. "Mi rivolgo a tutte le mamme e a tutti i ragazzi di Anagni, che credo abbiate appreso del grave episodio di violenza avvenuto ai danni di un bambino di 12 anni. Siccome noi genitori - scrive questa mamma sui social - siamo stanchi di sopportare tali accadimenti, stiamo organizzando insieme alle maestre del nostro asilo una manifestazione per essere vicini al ragazzo che oggi subirà un delicato intervento chirurgico e che non ha nessuna colpa per quanto accaduto.

Mi farebbe piacere se voi mamme, zie, nonne, ragazzi parteciperete numerosi perché solo facendoci sentire e smuovendo le coscienze riusciremo a cambiare il mondo in modo migliore; lo faremo anche per far capire alla famiglia di questo ragazzo che le siamo vicini e che insieme si può costruire qualcosa di bello. La nostra voce contro ogni forma di violenza".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Anagni, il dodicenne operato al setto nasale sta bene e presto potrà tornare a casa

FrosinoneToday è in caricamento