menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Piglio, centosessantasei anni fa il passaggio di Giuseppe Garibaldi

Correva l’anno 1849 il giorno 20 del mese di Aprile. Centosessantasei anni fa passava a Piglio l’eroe dei due mondi: Giuseppe Garibaldi. Una lapide, posta lungo il Viale Umberto I°, a due passi dalla sede comunale, ne ricorda ai posteri il...

Correva l'anno 1849 il giorno 20 del mese di Aprile. Centosessantasei anni fa passava a Piglio l'eroe dei due mondi: Giuseppe Garibaldi. Una lapide, posta lungo il Viale Umberto I°, a due passi dalla sede comunale, ne ricorda ai posteri il passaggio di Giuseppe Garibaldi per accorrere in difesa della Repubblica Romana, "aggredita dal prete e dallo straniero".

La lapide, molto fotografata dai turisti, era rimasta intatta dopo tante guerre dal 1849 fino al 1970, quando poi gli amministratori comunali di allora, nel lodevole intento di ripulirla e abbellirla con una cornice marmorea, prima inesistente, inopinatamente avevano aggiunto:

"Comune di Piglio

in ricordo del

centenario di Roma Capitale d'Italia

(1870-1970)

Si gridò subito di "appropriazione indebita di opere altrui" e di "falso storico" verso gli amministratori che nel 1849 vollero ricordare, con l'installazione della lapide, l'eroico passaggio di Giuseppe Garibaldi a Piglio.

Dopo i mugugni e le lamentele di allora contro gli amministratori comunali del 1970, tutto è rimasto, come al solito, allo stato quo Garibaldi permettendo!

Giorgio Alessandro Pacetti

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Attualità

    Il mistero del lago di Canterno o "lago fantasma"

  • Eventi

    Ciaspolando a Punta della Valle

  • Eventi

    Un Brindisi al 2021 da Pizzo Deta

Torna su

Canali

FrosinoneToday è in caricamento