Roma, Pierfranco Bruni e le donne mediterranee su Rai Uno

Il mondo Mediterraneo dei Costumi delle donne degli anni Quaranta letto da Pierfranco Bruni in uno studio che è diventato una Mostra e presentato su Rai Uno

CSR Grisi

Il mondo Mediterraneo dei Costumi delle donne degli anni Quaranta letto da Pierfranco Bruni in uno studio che è diventato una Mostra e presentato su Rai Uno

Pierfranco Bruni: "La cultura di un popolo è anche nella civiltà dei costumi e nella tradizione dell'abbigliamento. Soprattutto il mondo mediterraneo offre spaccati di umanità attraverso l'abito che si indossava epropone dei precisi dettagli per comprendere la storia di una comunità in una visione sia estetica che etica"."Donne e costumi. Il mondo Arabo. Il mondo Albanese". È il titolo di una Mostra in corso di svolgimento al Terrazzo Pellegrini di Cosenza. La mostra è stata presentata da Pierfranco Bruni, esperto di letterature ed etnie del Mediterraneo e Responsabile del Progetto "Minoranze storiche" del Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo.

Si tratta di un percorso storico di alcune forme antropologiche che offrono una chiave di lettura della cultura del Mediterraneo attraverso i costumi e gli abiti tra anni Trenta e Quaranta.

Pierfranco Bruni, profondo conoscitore delle culture del Mediterraneo, continua a lavorare sul rapporto tra letteratura e modelli etnici all'interno di un contesto geopolitica che è quello che intreccia la realtà dei Balcani e la realtà dei Mediterranei.

Il titolo dello studio è il seguente: "Le donne arabe e albanesi nei vestimenti mediterranei".

Più volte, con numerose pubblicazioni, Pierfranco Bruni si è soffermato su questi incisi grazie a testi che sono stati tradotti sia in albanese che in arabo. Già a qualche decennio fa risale il suo imponente studio dal titolo: "Mediterraneo. Percorsi di civiltà nella letteratura".

Bruni studiando le letteratura e le etnie del Mediterraneo ci propone una chiave di lettura che è quella dei "vestimenti" delle donne in uno scavo che rimanda al rapporto tra l'Italia e il Mediterraneo tra gli anni del Regime.

La Mostra che è stata presentata anche su Rai Uno propone uno spaccato importante e delinea una dimensione tra l'Immagine, la Letteratura e lo scavo Etno-antropologico stesso.

Si tratta di un interessante e originale itinerario per immagini di donne arabe e albanesi e risale alla temperie degli anni tra il 1930 e 1940. Quaranta immagini con costumi tipici di quel tempo che rispecchiano le culture albanesi e arabe con i volti, la vestitura, la posa.

Tre aspetti che la Mostra porta come elemento centrale. Sono immagini che offrono uno spaccato interpretativo sia storico – geografico che antropologico. È proprio l'aspetto antropologico l'elemento predominante oltre chiaramente quello fotografico.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

CSR  GrisiDonne mediterranee

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Da Colleferro alla serie tv "Doc - nelle tue mani", la storia di Massimo Ciccotti

  • Coronavirus, Frosinone è la provincia più contagiata del Lazio

  • Giovane militare ciociaro muore nel sonno, choc in caserma

  • Coronavirus, aggiornato l’elenco delle strutture ciociare che effettuano il ‘tampone rapido’ a 22 euro

  • Alatri, Giuseppe Mazza muore in un letto di ospedale. Era rimasto ferito in un incidente con la sua moto

  • Cassino, due quindicenni pestati a sangue dai bulli per gelosia

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FrosinoneToday è in caricamento