rotate-mobile
Teatro Ripi / Piazza Luciano Manara, 1

Ripi, Tutto pronto per "TVG Fest 2024"

Una rassegna che spazia dal teatro di narrazione alla scena comica, dal teatro di prosa al monologo intimo, fino alle considerazioni sul nostro vivere quotidiano, la storia personale dei singoli che incontra la storia collettiva, per concludere il percorso con la canzone e la poesia.

Dal 2 marzo al 4 maggio 2024, al Teatro Vittorio Gassman di Ripi, in collaborazione con ATCL (Associazione Teatrale fra i Comuni del Lazio), con il sostegno di MIBACT (Ministero per i Beni e le Attività Culturali) e della Regione Lazio, sarà in corso TVGFEST 24, la prima edizione di una rassegna teatrale che intende rivitalizzare il panorama culturale del territorio, con la presentazione di una serie di spettacoli che inquadreranno, nel corso di tre mesi, un’istantanea del contemporaneo, attraverso voci di affermate ed esordienti professionalità della scena, che agiscono già da anni sull'area del Basso Lazio o che si affacciano qui per la prima volta.

Una selezione che percorre l’interezza e l’interiorità della condizione umana, spaziando dal teatro di narrazione alla scena comica, dal teatro di prosa al monologo intimo, fino alle considerazioni sul nostro vivere quotidiano, la storia personale dei singoli che incontra la storia collettiva, per concludere il percorso con la canzone e la poesia.
Una storia completa in 7 spettacoli, che definisce un soggetto (la comunità umana e chi la difende con la propria vita, JARRUSU di Giovanni Greco), l’incontro e la collaborazione (l’amore, il lavoro con LE NOTTE BIANCHE DI FEDOR di Ipotenusa Teatro
e ITALIAN JOBS di Laboratori Permanenti), lo scontro e la risoluzione (la solitudine, il ritrovarsi, con CARTOLINE DA CASA MIA di Bruno Petrosino e OTELLO di Associazione Culturale Il Salto), e che si completa con la celebrazione e il canto (le grandi domande
sull’arte, sulla bellezza, su quello che ci rende umani, sulla poesia con LA BELLEZZA, viaggio intorno al bello di SemiVolanti e I GATTI LO SAPRANNO della Compagnia dell'Appeso).
Ma come si conclude si torna al punto di partenza, in una costante evoluzione che ci porterà a visitare la storia attuale e testi fondamentali della letteratura mondiale, grazie allo sguardo personale degli artisti ospitati e al linguaggio universale del teatro che parla a tutti e in cui tutti possono riconoscere qualche aspetto che a loro appartiene.
Gli spettacoli sono stati scelti cercando di rappresentare in maniera più eterogenea possibile la scena contemporanea: compagnie ed artisti molto giovani si alterneranno ad artisti più grandi e già affermati.
Si è fatta molta attenzione a cercare di includere nella programmazione tutte le generazioni: l’anagrafica ha contribuito nella scelta degli spettacoli, certamente, come anche la volontà di narrare il nostro presente, e si può narrare il presente anche con lo
sguardo rivolto al passato.
Si inizia sabato 2 Marzo alle ore 20.30 con lo spettacolo Jarrusu (perché e come morì Pasolini), di e con Giovanni Greco.

www.teatrovittoriogassmanripi.it
375 744 9094

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ripi, Tutto pronto per "TVG Fest 2024"

FrosinoneToday è in caricamento