Eventi

'L'Ammréa', musiche all'ombra del mondo: il programma

Tre serate all’insegna della storia e della letteratura, con le “musiche all’ombra del mondo” richiamate nel sottotitolo come sottofondo e accompagnamento

Ancora una volta a Terelle “l’Ammréa”, l’imbrunire, torna protagonista di una rassegna nata per far emergere dall’ombra dei monti che incastonano il paese e del mondo stesso la luce della creatività e dell’arte. Saranno tre serate all’insegna della storia e della letteratura, con le “musiche all’ombra del mondo” richiamate nel sottotitolo come sottofondo e accompagnamento.

Giovedì 19 agosto aprirà la rassegna alle 19.30 in piazza Antonio Tari, davanti al municipio storico e con le montagne e la Chiesa principale a fare da cornice, il professor Paolo Apolito, l’“antropologo a domicilio” che, dopo la sua brillante carriera di docente universitario, gira i festival dell’Italia in veste di cantastorie e divulgatore. Accompagnato dal musicista Antonio Giordano (voce, zampogna e chitarra battente) porterà in scena il monologo “Tre compari musicanti. Storie minime nella grande storia: briganti, borbonici, francesi”.

Nella seconda giornata, venerdì 20 agosto, l’Ammrea tornerà nella location delle prime edizioni, la terrazza della Chiesa di Santissima Maria Addolorata. Alle ore 18.30 si terrà la presentazione del primo romanzo di Ermisio Mazzocchi, docente di filosofia e universitario, funzionario di spicco dai tempi del PC e nel suo percorso fino al PD, e apprezzato storico del partito e dei suoi rapporti con il territorio. Con il giornalista ed ex direttore di La Provincia Dario Facci presenterà “Una vita per cambiare” (Atlantide Editore), romanzo d’amore e impegno sociale ma anche resoconto di una società che si trasforma, l’Italia che va dagli anni ’70 alle porte del 2000.

Sabato 2 agosto L’Ammrea ritroverà la sua formula originaria, quella del reading musicato, dalle ore 19.30 nella terrazza di Santissima Maria Addolorata. Sarà protagonista il pluripremiato poeta toscano Fabrizio Sani, tradotto anche all’estero con la raccolta “Si innamoravano tutti di me e io del loro amore” (Edizioni Sui generis). A Terelle presenterà una performance composta dalla lettura di poesie e di testi suoi e inediti e di autori come Kafka e Fante accompagnato dalle note del chitarrista Marco Nardone in una ricerca e una riflessione sul “Lessico della mancanza”.

Tutti gli eventi si svolgeranno nel pieno rispetto delle vigenti disposizioni anti covid e sono stati possibili grazie al sostegno e al supporto dell’Amministrazione comunale, della XIV Comunità Montana della Val Di Comino e della Regione Lazio nell’ambito del progetto Suoni e colori: dieci secoli di storia, cultura e natura.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

'L'Ammréa', musiche all'ombra del mondo: il programma

FrosinoneToday è in caricamento