San Vittore, Ciacciarelli (FI): "dopo l'incendio non vanno sottovalutate le esalazioni"

Anche il consigliere provinciale di Forza Italia torna sull'argomento del giorno e chiede maggiori controlli

Con il passare delle ore continuano ad arrivare i commenti dei politici alla vicenda dell'incendio al termocombustore di San Vitttore. Questa volta è il consigliere di Forza Italia Pasquale Ciacciarelli che parla di zona dove i cittadini vivono costantemente nel terrore.

"Non vanno sottovalutate le esalazioni"


"Ritengo che l'incendio sviluppatosi presso il termocombustore di San Vittore del Lazio sia specchio del timore costante con cui debbono convivere, o meglio sono condannati a vivere i cittadini dell' intera area circostante, non solo del comune di San Vittore, ma anche dei comuni limitrofi. Le esalazioni,al propagarsi dei fumi, anche oltre il perimetro comunale, non sono un fattore da sottovalutare circa i possibili effetti sulla salute pubblica, cosi come i possibili effetti su un equilibrio ambientale già precario".

Il decreto di Renzi

"Impossibile fare a meno di citare, in questo frangente, il decreto Sblocca Italia del governo Renzi che permette agli inceneritori di raggiungere Il massimo carico termico fino a saturazione della potenza massima degli impianti.  Nella relazione tecnica sullo stato della gestione dei rifiuti del Lazio vi è scritto che Gli impianti di termovalorizzazione al momento insufficienti sul territorio regionale, raggiungeranno il pareggio dopo il 2020 quando sarà completato l'iter autorizzativo per il massimo carico termico di San Vittore e il revamping degli impianti di Colleferro di cui si è attivato il piano industriale".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Ci vuole maggior controllo"

"Mi preme, però, sottolineare che nostro territorio smaltisce rifiuti in quantità maggiore rispetto al quantitativo prodotto. La posizione strategica di crocevia tra la Capitale e la vicina Napoli, tra Lazio, Campania e Molise, non può essere affatto un fattore penalizzante, che condanna la provincia di Frosinone a pattumiera dei territori limitrofi. I dati relativi alla presenza di polveri sottili, pm10 e pm 2.5 nel territorio sono indicativi di un forte inquinamento atmosferico, causa in alcuni soggetti di malattie dell' apparato  respiratorio e del sangue. Non possiamo permettere che la nostra Terra sia bollata come Terra dei Veleni, compagna della vicina Terra dei Fuochi campana. Vi è assoluto bisogno di un monitoraggio costante, minuzioso, negli impianti di trattamento rifiuti, per impedire che simili episodi che attentano alla salute pubblica si verifichino".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cassino, stroncato da un malore a 48 anni, era in quarantena. Resa nota l'identità della vittima

  • Torna la Coop a Frosinone: giovedì 29 ottobre l'inaugurazione

  • Coronavirus, muore il costruttore Gabriele Cellupica: Sora sotto choc

  • Cassino, positivo al Covid ma lo scoprono dopo morto. Portato via con il montacarichi

  • Coronavirus, muore Pino Scaccia. L'addio di Vacana: ‘In Ciociaria lo avevamo premiato un mese fa’

  • Picinisco, accoltellato un operaio mentre lavorava nel cantiere per il ripristino della frana

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FrosinoneToday è in caricamento