Ceccano, l'ARPA scopre un fitofarmaco potenzialmente cancerogeno nel fiume sacco

L'allarme arriva dal consigliere provinciale Pasquale Ciacciarelli che aggiunge: "la Regione bonifichi l'area ed avvii studio epidemiologico"

La presenza di un fitofarmaco nel Fiume Sacco, simile per struttura ed affine chimicamente ad un pesticida, riconosciuto come possibile agente cancerogeno e, pertanto, ritirato dal commercio, con concentrazione massima nel tratto fluviale di Ceccano, come  accertato da un recente campionamento delle acque, è un dato oggettivo che attesta il livello di contaminazione del Fiume, e quindi una minaccia concreta alla locale flora e fauna. 

Veleni che superano la norma

"Arpa Lazio  nella sua relazione attesta che il quantitativo della sostanza rilevata nel tratto ricadente nel comune di Ceccano è superiore di almeno un ordine di grandezza rispetto ai limiti generalmente previsti per gli standard di qualità ambientale. Ritengo- scrive il coordinatore provinciale Pasquale Ciacciarelli-   dopo aver letto gli incartamenti , che date le criticità ambientali che si riscontrano nel Sin Sacco circa l'inquinamento del suolo e delle acque, a cui si aggiunge l'inquinamento  atmosferico per polveri sottili pm10 ed ultra sottili pm 2.5 che, dato  l'effetto pendolo, si muovono quotidianamente lungo un asse Nord Sud, interessando l'intero territorio provinciale, è fondamentale non perdere letteralmente ulteriore tempo in incartamenti burocratici ed avviare un processo di sanificazione dell' area, tenendo conto anche del recente dossier che l' Ispra ha inviato al Ministero dell'Ambiente, ove stila una black list dei siti che necessitano di un intervento prioritario.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Appello alla Regione Lazio a darsi una mossa

“Nel contempo, ritengo- aggiunge Ciacciarelli-  che lo studio epidemiologico, ad oggi fermo, non possa essere congelato, poiché è fondamentale studiare e quindi analizzare la concentrazione di specifiche patologie in determinate aree per avere un quadro, che definirei clinico ed ambientale, dettagliato, necessario ad operare in modo incisivo, per cui faccio appello alla Regione, affinché si attivi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Da Colleferro alla serie tv "Doc - nelle tue mani", la storia di Massimo Ciccotti

  • Giovane militare ciociaro muore nel sonno, choc in caserma

  • Alatri, Giuseppe Mazza muore in un letto di ospedale. Era rimasto ferito in un incidente con la sua moto

  • Picinisco, accoltellato un operaio mentre lavorava nel cantiere per il ripristino della frana

  • Coronavirus in Ciociaria, tamponi rapidi a 22 euro: autorizzati per ora 16 laboratori privati

  • Cassino, il primario del Pronto Soccorso sbotta: "Datevi una regolata"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FrosinoneToday è in caricamento