rotate-mobile
Martedì, 30 Novembre 2021
Politica Anagni

Nord Ciociaria, in arrivo i soldi per le gelate dello scorso aprile. Accolto lo stato di calamità

Entro 45 giorni saranno attivate le procedure per richiedere i risarcimenti alle aziende agricole della provincia danneggiate

I centri della provincia di Frosinone interessati dal provvedimento sono Anagni, Paliano, Piglio e Serrone. Le imprese agricole insediate in questi comuni possono presentare domanda di risarcimento presso gli sportelli dell’Area Decentrata Agricoltura entro 45 giorni dalla data di pubblicazione in Gazzetta

Danni visti da subito 

Già dalle prime segnalazioni dei nostri soci era apparso evidente che i danni subiti dalle aziende agricole fossero ingenti. Danni immediati, in termini di perdita di raccolto superiore al 30% e anche oltre e danni calcolati in prospettiva, perché la capacità produttiva di frutteti e vigneti è stata fortemente compromessa anche in vista della prossima stagione. 

Risarcimenti alle aziende 

“I risarcimenti serviranno alle aziende per scavallare questo periodo difficile e disporre della liquidità necessaria per fare fronte ai nuovi investimenti”. Così Pietro Greco, direttore della Coldiretti di Frosinone, commenta la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del decreto che riconosce la calamità naturale, aprendo la strada ai rimborsi, per gli effetti causati dalle gelate dello scorso aprile. 

Risultato importante 

 “Un risultato prezioso per l’agricoltura provinciale, maturato grazie al nostro immediato pressing sui comuni e sulla Regione. Un risultato favorito da Coldiretti – commenta il presidente della federazione provinciale Vinicio Savone – e raggiunto grazie alla disponibilità e al coordinamento promosso anche in quella circostanza dall’assessore Carlo Hausmann che, subito dopo il tavolo regionale, sottopose le nostre istanze presso il ministero delle politiche agricole”. 
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Nord Ciociaria, in arrivo i soldi per le gelate dello scorso aprile. Accolto lo stato di calamità

FrosinoneToday è in caricamento